Utente 715XXX
gentile Dottore,
nel 2003 ho avuto un linfoma di Hodgkin e ho subito chemio e radioterapia nell'addome. All'epoca non avevo una compagna e non pensavo ai figli e quindi non ho fatto la crioconservazione. Nel 2006 ho fatto uno spermiogramma con risultato: azospermia.
Ha senso che ricorra alla TESE o TESA? o mi devo rassegnare alla mia infertilità.
Grazie infinite
S.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente, prima di rassegnarsi si rivolga ad un andrologo per una corretta valutazione delle situazione
[#2] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Gentile Lettore,

l'azoospermia è una condizione impegnativa ma che non preclude totalmente le possibilità di procreazione.
Con le moderne tecniche di recupero di spermatozoi dal testicolo, la microTESE, in cui il testicolo viene esplorato al microscopio operatore riusciamo a recuperare spermatozoi in circa il 50% dei casi, spermatozoi che dopo si possono usare per ICSI la tecnica di fecondazione assistita con la quale lo spermatozoo viene iniettato nella cellula uovo.

Quindi non abbandoni le speranze; prima di una valutazione è necessario ripetere uno spermiogramma ed eseguire un profilo ormonale (FSH, LH, Testosterone almeno.


Cordiali saluti