Utente 333XXX
Buongiorno,
in seguito ad una ecografia all'addome mi è stato riscontrato quanto segue:
-Il fegato presenta dimensioni nella norma, margini regolari ed ecostruttura normoecogena, senza immagini di lesioni focali con carattere di evolutività. Si osserva un angioma epatico di 11 mm in corrispondenza di S7.
-La colecisti normodistesa, presenta in corrispondenza del corpo una microcalcificazione parietale di 3-4 mm.
Il resto non lo elenco ma appare tutto regolare.
Ho 38 anni, peso regolare, faccio attività fisica e alimentazione bilanciata. Non ho mai avuto sintomi, eccetto l'ultimo anno in cui ho avuto qualche fastidio ogni tanto (non lo definirei dolore) all'altezza del fegato.

Il medico di base mi ha consigliato di limitare grassi nella dieta (cosa che già faccio), di monitorare eventuali sintomi e di effettuare dei controlli regolari. Nel caso di aggravarsi dei sintomi mi ha detto che potrebbe essere necessario l'intervento chirurgico.
La mia domanda è: Non ci sono alternative a parte l'attesa di sintomi e l'eventuale intervento? Il risultato dell'ecografia (microcalcificazione parietale) significa per caso che soffro di "colecisti di porcellana"? Perché nel caso sarei abbastanza preoccupato.


Grazie Saluti

Mirko

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Una microcalcificazione della colecisti non deve assultamente impensierirla. La colecisti a "porcellana" è tutt'altra cosa e con tale termine si intenza un'estesa calcificazione della colecisti che impone l'intervento chirurgico.

Segua pure i (corretti) suggerimenti del suo medico. L'intervento chirurico è necessario solo in presenza di un'evidente sintomatologia colecistica che non credo interverrà nel suo caso.

Cordiali saluti



[#2] dopo  
Utente 333XXX

Iscritto dal 2014
Buonasera,
grazie molto per la risposta tempestiva e completa.
Per completezza di informazione volevo aggiungere che il mio medico di base mi ha prescritto una cura di acido ursodesossicolico.
Mi ha detto che potrebbe ridurre la calcificazione.
Che tipo di azione svolge questo farmaco?
Grazie
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Salvatore Cuccomarino
24% attività
4% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Gentile Signore, l'acido ursodesossicolico esplica il suo meccanismo d'azione sull'assorbimento intestinale del colesterolo. Nei pazienti con calcoli colesterinici della colecisti, può venire somministrato con il fine di "sciogliere", almeno parzialmente, tali calcoli.
Nel suo caso non ha alcuna indicazione.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 333XXX

Iscritto dal 2014
Grazie mille per la risposta.

Cordiali Saluti