Utente 333XXX
Buongiorno, è da stanotte che ho la sensazione di avere qualcosa alla mano sx, quella predominante..come se avessi le dita "tese" e se provo a flettere il pollice non va giù completamente..se lo tiro indietro fa più fatica rispetto all'altro dito...ho anche la sensazione di aver minor presa..le causa può essere stata la palestra..ho notato durante un allenamento una piccola vibrazione nell'avambraccio...ho pensato al tunnel carpale, ma ho provato a fare il test di Phalen ma risulta negativo...ho cercato altre infiammazioni e non trovo riscontri...oggi andrò dal medico per un esame più approfondito; intanto chiedo a voi cosa potrebbe essere con i dati che vi ho indicato?
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

ho dolore premendo alla base del pollice, sul lato palmare ?

Ha la sensazione come di un blocco meccanico che ne impedisce la flessione ?

Buon pomeriggio.
[#2] dopo  
Utente 333XXX

Iscritto dal 2014
Buonasera dottore, la ringrazio per la sua risposta così veloce...comunque ora che tocco si...sembra leggermente gonfio o duro...come se avessi preso una botta...preciso che la flessione del dito riesco...ma ho notato che con l'altro dito riesco completamente...con questo non tocco completamente...mancherà 1 cm..può essere qualcosa di lieve?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Potrebbe essere un'infiammazione della puleggia (canale) del tendine flessore.

Una visita specialistica confermerà o meno questa mia ipotesi.
[#4] dopo  
Utente 333XXX

Iscritto dal 2014
Grazie mille signor Giorgio per la sua diagnosi, oggi andrò dal medico e la farò sapere...vorrei sapere comunque se è una patalogia grave, e se nel caso ho bisogno di stare a riposo o se addirittura c'è bisogno di un operazione..
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Certamente non si tratta di nulla di grave (se la diagnosi verrà confermata).

Le terapie sono varie e dipendono dallo stadio evolutivo della patologia: dal laser agli ultrasuoni, fino all'infiltrazione locale o all'intervento.