Utente 329XXX
Gentili dottori,
A fine anno ci siamo sottoposti a dei controlli non vedendo arrivare una gravidanza cercata e siamo risultati positivi entrambi all'Ureaplasma.
Il nostro medico di famiglia ci ha dato una cura antibiotica di 7 gg con Iosalide.
Mio marito ha ripetuto la spermiocultura ed era tutto negativo, esclusa una voce che diceva "Numerose quantità nemaspermi". La dottoressa mi ha detto che si tratta degli spermatozoi.
Ecco le mie domande...
E' possibile che l'antibiotico preso a metà gennaio dia ancora effetti negativi allo sperma di oggi?
Da quando semmai sarà, per così dire, "buono"?
Consiglia uno spermiogramma?
Il fatto che la spemiocultura dica che ci siano memaspermi, non vuol dire anche che siano buoni, giusto?
Nell'attesa di una Vostra risposta, Vi ringrazio di cuore.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

generalmente una valutazione colturale non dà mai l'indicazione se ci sono o non ci sono spermatozoi.

Detto questo una nuova valutazione del liquido seminale per capire i reali parametri del liquido seminale di suo marito, deve essere fatta dopo 90 giorni circa dalla fine di una eventuale antibioticoterapia.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Carlo Luigi Augusto Negro
24% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Gentile Signora,

il ciclo di crescita e sviluppo degli spermatozoi è di crica 3 mesi, dunque è indcato ripetere o eseguire uno spermigramma 3-4 mesi dopo il termine della terapia antibiotica e delle negativizzazione delle spermiocolture. Se è almeno 1 anno che tentate infruttuosamente di avere figli con rapporti mirati è indicata una valutazione di coppia. Suo marito dovrebbe eseguire anche delle indagini ormonali di primo livello