Utente 307XXX
Da più di un anno mi sono accorto di avere come un "tubicino" indurito, della lunghezza di circa 3 cm e di diametro si un paio di mm, sull'asta del pene, presente sia in erezione (ben visibile e molto evidente alla palpazione) sia non (in questo caso non visibile, ma palpabile).
E' sempre stata una condizione completamente asintomatica e continua ad esserlo, non mi ha mai dato nessun fastidio, quindi l'ho sempre ignorata.
Provvederò a farmi visitare da un medico andrologo, ma la domanda che volevo porre è se condizioni del genere vanno valutate con "urgenza" o si può aspettare i tempi tecnici delle visite prenotate col nostro SSN (che purtroppo sono nell'ordine di qualche mese).
Chiedo perchè cercando su internet condizioni analoghe, ho letto parole come "trombosi" che non nascondo mi abbiano spaventato un po' e non vorrei aver già perso fin troppo tempo.

Un saluto ed un ringraziamento per il servizio offerto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

il suo problema può essere, da quello che ci scrive, un problema a livello dei vasi o del sistema simpatico; detto questo lei ha già aspetto un anno e quindi, senza perdere altro tempo prezioso su internet, ora bisogna consultare in diretta un bravo andrologo.

Un cordiale saluto.