Utente 748XXX
salve, complimenti per il servizio.
Da circa un mese sento un dolore, che si presenta magari un paio di volte al giorno e non dura per più di qualche secondo od al massimo qualche minuto, che non definirei nemmeno troppo forte nei pressi del testicolo sinistro. Non mi sembra esattamente nel testicolo quanto dietro, quasi nel muscolo della gamba.
Il dolore in realtà l'ho già sentito anche in passato, dal 2002 ma dopo un paio di settimane mi è passato e non si è ripresentato se non dopo alcuni anni, sempre per un paio di settimane al massimo e poi scomparire al punto tale da non ricordarmi nemmeno di averne sofferto fino a quando non si ripresenta.
Ho anche provato a fare un esame personale del testicolo toccandolo, ma non ho rilevato nulla rispetto all'altro, che non mi da alcun problema. in effetti, solitamente il fastidio si presenta quando sono in piedi e non cammino (per motivi di lavoro rimngo molto in piedi e non cammino - quando passeggio il fastidio non sembra presentarsi)
Potrebbe non essere nulla, ma data la posizione del dolore rimango comunque preoccupato.
Grazie mille per il disturbo e buona giornata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,potrei ipotizzare un interessamento del rachide lombo-dorsale,considerando il lungo periodo che trascorre in piedi.Così,viceversa,potrei ipotizzare un problema venoso...ma una cosa é certa,che é una buona occasione per farsi visitare da un andrologo esperto e soddisfare tutte le domande che sicuramente avrà da porre circa la Sua genitalità riproduttiva e sessuale.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
confermando le ipotesi e le considerazione cliniche del collega Izzo e come spesso ripeto da questo sito, vista la sua "giovane" età, approfitti di questi "disturbi-malesseri" e non sicurezze , per conoscere finalmente , se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia. Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente ,alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.
Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com