Utente 352XXX
buon giorno a tutti,
in data 16/05/2014, recandomi sul posto di lavoro, ho avuto un incidente in moto che mi ha causato la frattura epifisi distale del radio (frattura scafoide mano sx), evidenziata alla prima lastra del pronto soccorso. in quel momento mi viene consigliato il trattamento chirurgico con inserimento di una vite tra le due parti perché mi spiegavano che lo scafoide ha una bassa vascolarizzazione, ma ho rifiutato optando per un trattamento in gesso per 50 giorni iniziali. al termine del tempo previsto, dopo un ulteriore lastra di controllo, mi viene detto che non ci sono dei miglioramenti significativi ma nemmeno che non ci sono questi miglioramenti e mi viene nuovamente riproposto l' intervento ma stavolta con innesto osseo prelevato dal radio o dal bacino. Anche in questo caso rifiuto e mi consigliano di mantenere altri 35 gg il gesso e di iniziare la magnetoterapia perché io di operarmi non ne voglio sapere visto che vorrei tornare a lavorare almeno entro la fine di settembre . La mia domanda è questa:la magnetoterapia può o non può aiutare il consolidamento della frattura?premetto che non mi è stato detto se è composta o scomposta ne nella prima tanto meno nella seconda visita e nemmeno viene riportato sul referto del pronto soccorso. Ho sentito diversi ortopedici ,ma ognuno di loro ha dato opinioni diverse in merito. C'è chi dice che l'intervento è l'ultimo stadio da prendere in considerazione, chi dice che va fatto, chi addirittura vuole farmi un innesto perchè risulterebbe una vecchia botta non curata etc.
Chiedo gentilmente un parere in merito e se , nonostante comunque rimanga un danno permanente, potrò tornare, magari con l'aiuto di un tutore a lavaorare in gastronomia del mio lavoro.
Grazie mille attendo risposta
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

non mi è chiaro: lei parla di frattura di scafoide ma anche di frattura epifisi distale del radio.

Ci sono entrambe ?

Inoltre, mi sembra di capire che, allo scafoide, non si tratti di una vera frattura recente, ma di una pseudoartrosi (vecchia frattura mai consolidatasi) sulla quale si è inserito un nuovo trauma.

Se le cose stanno così (pseudoartrosi) deve fare l'intervento.

Potrebbe fare un tentativo con le onde d'urto e poi la magneto (campi pulsati) domiciliare per almeno 8 ore al giorno, purchè non ci sia scomposizione dei due frammenti, ma è un tentativo.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Buon giorno,
innanzitutto la ringrazio per avermi risposto in precedenza, allora io presento solo una frattura allo scafoide carpale della mano sinistra(ho scritto frattura epifisi distale del radio perché su una lastra che ho voluto effettuare da privato viene riportato cosi ma non ho nessuna frattura di quel tipo),diagnosticata al pronto soccorso al mio arrivo dopo l'incidente.
Al visionamento delle lastre si vede ( a parere dell'ortopedico in quel momento) la necessità di intervenire chirurgicamente tramite innesto di vite per fare in modo da consolidare i due estremi, ma rifiutai per paura di entrare in sala operatoria e decisi per il gesso.
Voglio precisare che dalle lastre di PS non mi viene detto niente a riguardo di fratture gia presenti come risulta dopo i 50 giorni di gesso.
Passati i 50 giorni faccio una lastra di controllo e mi viene nuovamente consigliato l'intervento, stavolta con innesto osseo ma che nuovamente rifiuto e allora mi consigliano di mantenere il gesso altri 35 giorni (che insieme ai primi 50 fanno 85 giorni)ma di cominciare a fare della magnetoterapia dato che i risultati non erano ottimissimi, ma a detta dell'ortopedico che mi ha poi rivisto,nemmeno scarsi.
Volevo chiedere se il mio non volermi operare e tentare la magneto e successivamente una fisioterapia riesca almeno (anche se dopo un lungo periodo e magari con l'aiuto di un tutore)possa tornare a lavorare, non dico tranquillamente ma quasi.
Premetto che dal 3 luglio sto facendo magnetoterapia tutti i giorni 8/9 ore giornaliere.
Grazie mille per l'attenzione attendo risposta
[#3] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Mi scusi ma ho un ulteriore domanda da farle in merito: se fosse seriamente una pseudoartrosi dovuto a un vecchio trauma, come mai in tutti questi anni non ho mai sentito dolore e ho continuato a giocare e lavorare tranquillamente senza mai un problema, a parte quello del cambiamento di tempo??
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Inizialmente lei afferma "chi addirittura vuole farmi un innesto perchè risulterebbe una vecchia botta non curata": questo mi fa pensare a un vecchio trauma, quindi a una vecchia frattura mai diagnosticata.

Cambia tutto se è una vecchia frattura (ormai in pseudoartrosi) oppure una frattura recente (in ritardo di consolidazione).

Il dolore può non essere presente anche per traumi vecchi di 20 anni: è una caratteristica tipica dello scafoide: in questi casi, il dolore compare a distanza quando insorge l'artrosi della radio-carpica.

Se operare o meno richiede una valutazione diretta.

[#5] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Buon giorno e grazie per l attenzione
A riferimento di quanto sopra volevo aggiungere che il giorno 17/7/2014 ho effettuato la TAC di controllo e l' esito e' questo: frattura del terzo medio dello scafoide carpale con lieve distasi dei monconi e con scarsissimi fenomeni osteoriparatori. Esiti di distacco parcellare della stiloide radiale.normali rapporti. Articolari.mi può aiutare a capire cosa significa? Premetto che sto continuando ad effettuare magnetoterapia
Grazie mille attendo risposta
[#6] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
C'è un ritardo di consolidazione della frattura dello scafoide (dopo 6 mesi si parla invece di pseudo-artrosi).

Deve cercare di farla consolidare (immobilizzazione, campi magnetici pulsati domiciliari, per almeno 8 ore al giorno).

In caso contrario, dovrà operare.
[#7] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Quindi non si può ancora parlare di piccolissimi miglioramenti??
Dato che sto facendo della magnetoterapia e ce questo ritardo allora farla non serve? Oppure e' grazie anche a lei se si inizia a intravedere qualcosa?
In che modo e dove vanno posizionati i solenoidi ?
PS: l' apparecchio e' a bassa frequenza! Va bene lo stesso?
Grazie mille resto in attesa
[#8] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Ma le 8 ore che vanno effettuate di magnetoterapia bisogna farle consecutive oppure distribuite nella giornata?
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Per valutari gli eventuali miglioramenti bisognerebbe vedere le immagini.

Non si può fare leggendo i referti.

Conviene fare la magneto durante la notte e, se possibile nelle pause durante il giorno.