Utente 340XXX
Salve,
da ormai più di 4 mesi soffro di un dolore strano dietro la schiena sotto la scapola nella parte sinistra. Non so bene spiegare il punto, ma è a metà altezza della schiena parte sx. Ho fatto una radiografia con esito negativo. Il mio medico di casa mi ha indirizzato verso un medico che ha diverse specializzazioni il quale mi ha fatto 4 infiltrazioni (non conosco il nome del medicinale usato, solo il prezzo circa 60/80 Euro). Le infiltrazioni le facevo una a settimana, poi ho anche assunto per circa un mese Lyrica e un altro medicinale del quale non ricordo il nome. La cosa sembrava attenuarsi, ma ora è ritornato il dolore peggio di prima. Il dolore lo avverto maggiormente se sto in piedi fermo (tipo fila alla cassa di un supermercato, in cucina davanti ai fornelli), a volte anche seduto. Si allevia solo stando disteso sul letto, infatti se mi sdraio per 30 min tutto passa. Non è perenne il dolore, si fa vivo solo stando in piedi. Camminando spesso non lo avverto, ma se cammino molto o faccio sport o cyclette o altri movimenti mi tormenta. Ormai è diventato insopportabile e non so a chi rivolgermi.
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Il Suo medico curante può farsi carico lui stesso oppure indirizzarLa in un percorso clinico diagnostico perché prima di sottoporsi a cure di qualsiasi genere bisogna avere ottenuto una diagnosi. Qualsiasi terapia viene prescritta in base a una diagnosi (o almeno una ipotesi diagnostica). Se Le viene infiltrato un farmaco Lei deve sapere come si chiama e a cosa serve, anche se mi rendo conto che resta più impresso il suo costo, perché deve essere in grado di dire"il dottor X mi ha detto che ho questa patologia e che la cura consiste in 4 infiltrazioni del farmaco Ypsilon" ad esempio nel caso che un altro medico per qualche motivo Le chiedesse patologie e terapie relative al passato. Lo stesso vale per il farmaco di cui non ricorda il nome. Sapere i farmaci prescritti consente di sapere anche se in modo generico che diagnosi era stata fatta. Il dolore può avere una origine locale (e quindi la causa è poco lontana dalla sede del dolore) oppure è irradiato, a partenza per esempio dal rachide cervicale o dal rachide dorsale. A distanza senza averLa interrogata, ascoltata e visitata è impossibile fare ipotesi che siano anche utili. Ne riparli con il medico curante (così saprà anche che diagnosi era stata fatta e che cure erano state effettuate) che Le dirà il da farsi.
Ci tenga aggiornati se lo desidera. Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
Grazie dottore per la sua risposta. Essendo che questa vicenda ha avuto inizio diversi mesi fa, ho forse trascurato qualche dettaglio.
Il mio medico di base, senza stilare alcuna diagnosi precisa mi disse di rivolgermi ad un ortopedico. È quello che feci, portando con me la radiografia prescritta dal mio medico di base. Il dottore che mi prese in cura mi disse che il problema era locale e dipendeva dal legamento del muscolo della spalla (io spero di ricordare bene le parole). Mi disse che solo con quelle infiltrazioni (che poi ho saputo che ne fa uso abbastanza di continuo su altri pazienti) si poteva alleviare e togliere il dolore, altrimenti sarebbe stato un dolore da portarsi avanti per anni.
Ora, io davvero non conosco il nome del farmaco che mi ha iniettato. Lui disse solo che se lo prendeva lui io risparmiavo qualche 10/20 Euro a iniezione. Ho trovato il foglio che lui scrisse per la cura successiva, gli altri 2 farmaci che ho preso per circa un mese sono:
Arcoxia 90mg e Lyrica 70mg. Il Lyrica 2 volte al giorno mentre l'altro solo la mattina dopo colazione. Dopo questa cura sembrava stessi meglio. Oggi mi sento purtroppo anche peggio di prima di iniziare questa cura.

Mi scuso se nel primo post sono stato un po' scarno di informazioni. Grazie a tutti e buon Ferragosto
[#3] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Ha fatto benissimo il Suo medico a inviarLa a visita ortopedica ; probabilmente le infiltrazioni erano di acido ialuronico, in molti casi sono utili ma hanno indicazioni ed efficacia limitati, come immagine che lo specialista Le abbia spiegato quando Gliele ha proposte. Non è comunque l'unica possibilità terapeutica, e potrebbe valer la pena approfondire gli accertamenti alla luce del recente peggioramento per affinare la diagnosi e quindi decidere una terapia appropriata. Consulti un ortopedico esperto in chirurgia della spalla ad es in una UO di Ortopedia dell'ospedale della città che ha indicato o di una città vicina.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
Grazie Dottore,
sicuramente dopo le vacanze consulterò un altro ortopedico. Per ora grazie per il suo intervento. La aggiornerò non appena ci saranno ulteriori sviluppi.
[#5] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
Aggiornamento:
lo stesso doloro lo ho anche avuto al lato dx. Non era proprio uguale ed è durato molto meno.
Oggi dopo quasi sei mesi è scomparso tutto, tranne un leggero fastidio (sempre al lato sinistro) se sto molto ma molto tempo in piedi e la mattina quando vado a correre (dopo 3 o 4 km di corsa avverto dolore).

Tutto sommato la cosa è sopportabile.