Utente 355XXX
Buonasera sono una ragazza di 22 anni. Fin da quando ero piccola facevo sport (pallavolo) anche 3 volte a settimana, ultimamente a causa dello studio ho ridotto a una volta in settimana. Fin da quando ero piccola mi è stata riscontrata, dall'ecocardiogramma, la ridondanza della mitrale. Ogni anno effettuo il test ergonometrico per avere l'idoneità sportiva, che mi è sempre stata data. Da sempre avverto alcune extrasistoli a riposo ma mi avevano detto che poteva essere causato da questo "billowing" della mitrale e quindi non mi hanno mai preoccupato.
Però ora sono 3 settimane consecutive che mentre faccio attività fisica avverto 2/3 cicli di tachicardia/extrasistoli (non sono riuscita a capire bene) molto fastidiose che mi hanno spaventato. Ho così effettuato un'ulteriore ecocardiogramma che ha riconfermato quello di 9 anni fa della ridondanza mitrale. Ho una storia familiare di prolasso e billowing della mitrale.
Volevo chiedere come ci si spiega in questo caso la tachicardia o le serie di extrasistoli che ho avvertito nelle ultime 3 settimane mentre giocavo.
Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Durante
28% attività
12% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2014
Buonasera,
Le extrasistoli possino aver un andamento "capriccioso" con periodi in cui sono più numerosi ed altri in cui lo sono meno.
Tuttavia per verificare che effettivamente si tratti di extrasistoli le consiglierei di effettuare un holter ecg.

Cordiali saluti
Alessandro Durante
[#2] dopo  
Utente 355XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per il tempo che mi ha dedicato.
Ho effettuato l'esame con Holter. Il referto dice esame di buona qualità, ritmo sinusale stabile per tutta la registrazione. Extrasistolia ventricolare isolata, a tratti bigemine e rare coppie. Eventi sopraventricolari (3,72%) isolata,bigemina,a coppie (284) e due triplette. Assenti alterazioni del recupero ed assenti pause.
Devo ancora sostenere un ulteriore esame al cicloergometro sotto massimo sforzo ma nel frattempo che sto aspettando mi è cresciuta l'ansia nei confronti dell'attività fisica,che ho ulteriormente ridotto perché spaventata dalla suscettibilità delle mie extrasistoli probabilmente all'adrenalina. Siccome il momento più fastidioso che avverto è al culmine dell'attività quando a volte mi vengono più extrasistoli in gruppo ora paura che al culmine dell'attività il cuore si fermi (perché il momento che più mi fa paura è quando il cuore per un attimo si ferma e non batte,probabilmente per il momento di recupero) o che le extrasisitoli non smettano più.
Vorrei chiedere un 'opinione sulla mia situazione e se la mia preoccupazione è fondata.