Utente 752XXX
Buongiorno dottori,
inoltro una domanda che non riguarda me direttamente ma mia sorella che ha un complesso quadro clinico.
Nel 2013 a seguito scoppio di aneurisma cerebrale ha subito craniotomia per inserire una clips.
Sempre nel 2013, circa un mese dopo l'intervento è stata affetta dalla DRESS Sindrome (probabilmente a causa di un medicinale che le avevano somministrato: la dintoina). Conseguentemente a questo episodio sembra che mia sorella sia allergica a tutte le comuni medicine, compresa la Tachipirina.
Da quel momento per circa un anno ha assunto cortisone che le è stato tolto gradualmente fino a settembre 2014 quando Le è stata diagnosticata la Sindrome di Moschowitz in modo pesante (forse scatentata dalla Novalgina che aveva assunto per il mal di testa). E' stata ricoverata e le hanno fatto diverse trasfusioni di plasma e sangue e ha dovuto anche prendere un farmaco immunosoppressore perchè la situazione non migliorava.
Adesso, in base agli ultimi controlli sul sangue, la situazione sembra tornata normale.
Il problema è che mio padre e mia madre che vivono con lei hanno preso una brutta influenza e mia mamma si chiedeva se poteva somministrare a mia sorella un farmaco omeopatico OSCILLOCOCCINUM a prevenzione dell'influenza o se ci sono problemi nel farlo per le persone che soffrono di patologie autoimmuni.
Gli unici farmaci che ora assume e che si sono rivelati sicuri per lei sono il Plasil e il Contramal.
Grazie anticipatamente per le risposte che vorrete fornirmi.
Distinti saluti
[#1] dopo  
Dr. Sandro Morelli
28% attività
4% attualità
16% socialità
VELLETRI (RM)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
La grande discussione sugli omeopatici ha sempre riguardato la loro inefficacia perché privi di sostanze chimiche, se non in dosaggio infinitesimale. Per cui, anche per mia esperienza, le posso affermare che gli omeopatici non hanno effetti collaterali. Comunque, da medico, sono contrario all'autoprescrizione anche per i prodotti omeopatici, non perché facciano male, ma perché curandovi da soli potete sottostimare una malattia più seria che va comunque valutata dal medico, e se avete piacere, anche dal medico omeopata.
[#2] dopo  
Utente 752XXX

Iscritto dal 2008
grazie 1000