Utente 816XXX
SALVE SONO UNA RAGAZZA DI 37 ANNI, VORREI CHIEDERE UN VOSTRO GENTILE PARERE ,UN CONSIGLIO SUL DA FARSI , E DOVE MI POSSO RIVOLGERE PERCHE' SONO PREOCCUPATISSIMA IN RELAZIONE AD UN ESITO TC ADDOME CHE HO EFFETTUATO PRESSO UN ISTITUTO DIAGNOSTICO . GRAZIE



L' esame e' stato condotto in condizioni basali e in corso di somministrazione rapida di mezzo di contrasto in presenza di medico anestesista rianimatore , l'esame e' stato condotto con tecnica plurifasica.
In corfrispiondenza del VII – VIII segmento del fegato si apprezza una voluminosa formazione espansiva di circa 10 cm. Che appare omogeneamente ipodensa nelle condizioni basali e che in fase contrastografica risulata caratterizzata da un arrichimento vascolare progressivamente crescente dall' anello periferico verso il centro ; tale reperto risulta compatibile con la presenza di un voluminoso angioma cavernoso di cui , anche in rapporto alle dimensioni .
La lesione appare unica in ambito epatico e determina una lieve compressione sul ramo portale di destra .
Le vie biliari intra ed extraepatiche non sono dilatate; la colecisti non contiene calcoli:
L' asse spleno - portale presenta regolare calibro e pervieta'.
Il pancreas ben visualizzato in tutte le sue porzioni , non appare ingrandito e non presenta processi espansivi o aree di anomalo arricchimento vascolare .
La milza , i surreni e di reni presentano regolare morfologia tomodensitometria e impregnazione contrastografica.
La cavita' escretrici renali non sono dilatate.
Non si rileva versamento endoperitoneale libero o saccato ne' adenopatia con dimensioni e significato patologico in sede para- aorto – cavate , nei livelli esaminati.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Raffaele Prudenzano
44% attività
4% attualità
20% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente.L'angioma cavernoso è una lesione benigna ed è, il più delle volte, un reperto occasionale (les congenita).Vorrei tranquirlizzarLa,proprio la settimana scorsa ne ho riscontrato uno ad una nonnina di 90 anni di 7 cm al V segmento epatico.
L'unico problema dell'angioma è un sanguinamento in seguto ad evento traumatico diretto.
Tre sono le strategie da prendere in considerazione, ma chieda ovvimente un consiglio anche al suo medico: 1) intervento chirurgico 2) niente,(controlli ecografici) 3) embolizzazione con microparticelle.Io consiglierei la 2 o la 3 ipotesi.
Poi ve n'è una quarta cioè l'alcolizzazione percutanea (pei) ma è sconsiglibile viste le dimensioni.
Distinti Saluti
[#2] dopo  
Utente 816XXX

Iscritto dal 2008
GRAZIE DOTTORE E' STATO MOLTO GENTILE , NON RIESCO A CAPIRE IN COSA CONSISTE L'EMBOLIZZAZIONE CON MICROPARTICELLE , SE PUO' GENTILMANTE SPIEGARMI IN COSA CONSISTE .
GRAZIE
[#3] dopo  
Dr. Mario Forzanini
24% attività
0% attualità
16% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2002
sicuramente l'angiomatosi epatica è di frequente riscontro e per la massima aprte va solo tenuta sotto controllo ecografico.
In rari casi (continuo e progressivo aumento di volume, posizione compressiva, sanguinamenti ecc...) si può pensare ad un trttamento, spesso miniinvasivo (come la embolizzazione, che consiste nel 'chiudere' l'angioma iniettandovi delle microparticelle di idoneo materiale biocompatibile.
[#4] dopo  
Utente 816XXX

Iscritto dal 2008
grazie dottore molto gentile per la risposta , le chiedo gentilmente se ho dei sintomi nel caso che l'angioma possa sanguinare e chiaramente peggiorare la situazione ? possibilmente indicarmi ospedale idoneo a questi trattamenti nella citta' di TORINO
[#5] dopo  
Dr. Mario Forzanini
24% attività
0% attualità
16% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2002
presumo, pur non conoscendo personalmente le persone, che l'Ospedale Le Molinette sia un centro qualificato allo scopo.
[#6] dopo  
Dr. Raffaele Prudenzano
44% attività
4% attualità
20% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Concordo con quanto sopra; Le Molinette (UO di Radiologia Interventistica) è sicuramente il Centro di Riferimento Nazionale per trattamenti mini-invasivi come l'embolizzazione.
[#7] dopo  
Dr. Gianfranco Varetto
20% attività
0% attualità
0% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2007

premetto che, pur trattandosi di una lesione di natura vascolare, la sua gestione è di competenza di epatologi e chirughi epatobiliari; ragion per cui il ruolo del vascolare è marginale se non sono presenti altre lesioni del distretto circolatorio.
A torino consiglio di consultare l'equipe del prof. Salizzoni, noto trapiantologo epatico, oppure la Gastroenterologia del prof Rizzetto ( dr. Brunello epatologo), entrambi all'Ospedale Molinette.

cordialmente.

gianfranco Varetto