Utente 384XXX
Gentili dottori,
circa due mesi fa, durante la doccia, ho notato la presenza di due gonfiori, uno più grande e uno più piccolo (quello più piccolo è visibile solo con attenzione) circa a metà dell'asta del pene. I gonfiori sono trasversali all'asta, quasi come due cordoncini, e quello più grande è lungo circa 2-3 centimetri (dunque non completa tutto il giro dell'asta, ma circa 1/4). Preciso che non sono sempre chiaramente visibili, ma anzi solamente dopo erezioni o in momenti particolari (con pene rilassato per diverse ore diventano quasi o totalmente invisibili). Al tatto si presentano morbidi, nel senso che con pressione del dito si schiacciano facilmente, rimanendo comunque morbidi e appena visibili durante le erezioni, e risultando invece un po' più rigidi subito dopo l'erezione (se confrontati con il resto dell'asta). Sulla pelle dell'asta non intravedo particolari cambiamenti di colore.
In questo momento mi trovo all'estero e tornerò in Italia solamente tra circa un mese e mezzo. Non sapendo di cosa si tratta sono naturalmente un po' spaventato e vorrei sapere se è necessaria una visita a breve (che mi sarebbe praticamente impossibile per via della lingua straniera).
Vi ringrazio in anticipo per la risposta e per il servizio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

potrebbe forse trattarsi di un flebite od altro ma, in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la vera causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un medico; in questi casi non deve parlare molto ma solo farsi visitare ed in questo senso, anche se trova un andrologo che parla solo una lingua straniera, il problema diagnostico viene risolto.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Gentile Dottore,
la ringrazio innanzitutto per la risposta, ho dimenticato di specificare e quindi aggiungo che non ho mai avuto fastidio, né bruciore o dolore, e per questo motivo avevo intenzione di aspettare il rientro in Italia per la visita (non ho idea di come funzioni il sistema sanitario locale, né il costo della visita). Il motivo del consulto era principalmente per sapere se era riconoscibile un qualcosa di particolare che necessitasse una visita a breve termine oppure se fosse possibile stare tranquillo per il prossimo mese e recarmi da un medico al rientro in Italia (poiché ripeto ad oggi non ho mai avuto alcun problema, il gonfiore è quasi solo percepibile alla vista, e al tatto solo allo sfioro, perché facendo pressione non si nota nulla).
La ringrazio nuovamente per l'aiuto.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Anche questo suo quesito purtroppo, senza una valutazione clinica diretta, non può avere una risposta mirata e precisa.

Ancora un cordiale saluto.