Utente 217XXX
Gentili dottori,

mio nonno di 87 anni oggi è stato visitato con elettrocardiogramma che ha dato come esito un "modesto scompenso" e "disturbo del ritmo", poi descritto come CMP IPOCINETICO nell'impegnativa.
Era in programma che i miei nonni in settimana si rifugiassero nella casa in montagna (950 metri) per fuggire alla calura milanese.
Trascorrerebbe la giornata al fresco, senza camminate o altro, poiché ha qualche difficoltà motoria.
Ma a questo punto è sempre consigliabile la montagna o può dare dei problemi? E' preferibile stare a casa con l'ausilio di un condizionatore?

Grazie della disponibilità.


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
suo nonno ha bisogno di una diagnosi ecocardiografica colordoppler per valutare se e quanto il suo cuore sia scompensato e se necessiti di una ADEGUATA terapia.

Quanto scritto sull'impegnativa e quanto emerso dall'ECG non sono che degli input.

Concordi con il curante anche un Holter ECG/24h.
Alla luce dei risultati poi ne riparliamo.

Cordiali saluti.