Utente 386XXX
mI è stata asportata la toroide e alcuni noduli dei quali uno positivo.
L'intervento è andato bene ma al risveglio non potevo respirare così mi hanno fatto la trachetomia ( non tubicino al collo che mi permette di respirare) questo perché, durante 'intervento, i nervi delle corde vocali hanno perso la loro elasticità e le corde vocali si sono unite impedendomi di respirare.
La mia domanda è la seguente: ci sono casi come il mio? se si per quanto tempo dovrò tenere questo tubicino al collo prima di poter respirare normalmente?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Malerba
24% attività
12% attualità
12% socialità
TERMOLI (CB)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, prima di rispondere alla sue domanda sarebbe necessario sapere se prima dell'intervento aveva eseguito una visita da parte dello specialista ORL per valutare lo stato delle corde vocali e se l'indicazione chirurgica è stata posta per gozzo e quindi il reperto di neoplasia è stato occasionale ( come succede in circa il 10% ).
In attesa e disponibile per ogni chiarimeto invio distinti saluti.
[#2] dopo  
Utente 386XXX

Iscritto dal 2015
Egregi dottore,
la ringrazio per la Sua risposta e aggiungo che sono stata operata alla tiroide per un nodulo sospetto che ora si è rivelato positivo. Da anni prendo l'Eutirox,la mia tiroide era rinsecchita per quello il chirurgo mi ha consigliato di asportare il tutto. Ho fatto una visita prima dell'intervento è mi era stato detto che era un intervento banale, senza conseguenze-
Solo dopo l'intervento, finita l'anestesia, non riuscivo a respirare normalmente e mi è stato appunto detto che dipendeva dai nervi delle corde vocali i quali avevano perso la loro elasticità.
Adesso mi ritrovo a respirare per questo tubicino, che mi procura una tosse continua e ho difficoltà a parlare (parlo mettendo un dito nel foro de tubo).
Il chirurgo mi ha detto che succede un caso su 500, ma non sa dirmi quali saranno i tempi per la rimozione del tubicino e poter così parlare normalmente e riprendere la vita di prima.
Mi ha assicurato che questo succederà...... ma quando?
Mi sembra di vivere in un incubo per un intervento definito "banale" mi ritrovo così-
Cosa può essere successo?
La ringrazio infinitamente dottore per l'interesse al mio caso e per la Sua cortese risposta.
r.z. - pordenone