Utente 351XXX
salve . secondo voi si può morire sottoponendosi ad una rinoplastica? Ho molta paura dell''anestesia. secondo voi in quali dosaggi è pericoloso? qual è la pratica anestesiologica più sicura? ho letto anche di un ragazzo andato in come e poi morto per questo intervento. dovrei sottopormi a giorni ad un intervento di rinoplastica dove useranno degli anestetici in modo tale da potermi addormentare , non saprei quali. ora a pochi giorni dall'intervento mi sorgono dei dubbi riguardo a cose che io prendo e ho paura che possano interferire in qualche modo con l'anestesia o qualsiasi medicinale usato pre/durante/post intervento. io assumo il ferplex in flaconcini uno al giorno(il ferro) e aminoacidi ramificati per la palestra (isoleucina , leucina e valina) . attendo con ansia una vostra risposta . GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Buona sera, mi pare di capire che Lei sarà operato in Anestesia generale, il favismo non la controindica e nemmeno l'assunzione di ferro. A seguito di assunzione massiccia di integratori proteici per lungo tempo, e per una attività fisica intensa in palestra, si può verificare qualche alterazione negli esami ematochimici che il suo anestesista eventualmente valuterà.
La scelta dei farmaci da usare per l'anestesia dipende solo e solamente dalle scelte dell'anestesista in sala operatoria.
Il rischio 0 in medicina non esiste e si parte da 1 nella persona perfettamente sana, ma in ambiente attrezzato ed in mani esperte il rischio si avvicina allo 0 pur non raggiungendolo.
Incidenti in Sala operatoria possono verificarsi, ma che abbiano esito letale è una evenienza molto rara.
Le cose fondamentali per la sicurezza del paziente sono:
-una adeguata preparazione preoperatoria
- informare l'anestesista di tutto quello che riguarda la propia storia clinica, abitudini di vita e farmaci assunti
-scegliere ambienti attrezzati per la rilevazione e la risoluzione di eventuali problemi al loro sorgere
-rivolgersi a specialisti di provata esperienza
Spero di essere stata chiara, cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 351XXX

Iscritto dal 2014
dottoressa io ho paura .. ho letto di quel ragazzo morto durante l'intervento di rinoplastica. si chiama paolo acerbi. da quanto ho capito lui si operò in anestesia locale con sedazione ma non ne sono sicuro. poi ho letto pareri medici anche su questo sito .. e mi pare di capire che la procedura più sicura per il paziente sia quella di essere intubato. però mi chiedo a questo punto se basti essere intubato per escludere un arresto cardiocircolatorio e respiratorio. per favore toglietemi un pò di dubbi perchè non sò come comportarmi. comunque io non sò ancora come intenderanno operarmi se in locale o in totale. dico solo che mi opererò in ospedale perchè mi sento più sicuro. voi che cosa ne dite?
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Buona sera, comprendo benissimo i suoi timori (tutti ne hanno nella stessa situazione) ma non si deve ingigantirli. Sopratutto non bisogna andare a leggere storie sensazionali di morti intraoperatorie perchè non si sa poi bene cosa sia successo e perchè e se tutto ciò che è stato scritto sia corretto.
Tutte le tecniche di anestesia "vanno bene" se correttamente eseguite da un anestesista esperto e sopratutto in ambiente attrezzato.
Lei scrive che non sa cosa deve fare, deve fare questo: parlare col suo anestesista sentendo che tecnica utilizza, spiegandogli i suoi timori liberamente Ricordi che prima di essere operati bisogna firmare un "Consenso informato" ma solo se si è perfettamente convinti delle spiegazioni dei medici.
Se lei non fosse convinto e quindi sereno non si operi, anche perchè il suo non è un intervento salvavita e quindi è rinviabile ad altra data.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 351XXX

Iscritto dal 2014
mi scusi dottoressa... mi piacerebbe almeno capire quale sia la pratica anestesiologica più sicura nel mio caso. essere intubato o cosa?
e poi ho rinviato tante volte questo intervento .. è arrivata ora di affrontare la realtà e adesso che ho un lavoro e posso permettermelo , ho deciso di farlo al più presto. solo che vorrei capirne di più anche sugli anestetici solitamente usati e in quali dosaggi ...
[#5] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Probabilmente non sono stata sufficientemente chiara, andiamo con ordine:
1. personalmente per un intervento come il suo io eseguo una anestesia generale con IOT (sempre che non ci siano controindicazioni), ma altri anestesisti preferiscono locale più sedazione.
La scelta del tipo di pratica anestesiologica è personale, ma non può prescindere dallo studio preoperatorio del paziente.
Nel suo caso io non so dirle cosa sia meglio per lei perchè non ho visto il suo preoperatorio, non l'ho visitata e non conosco in modo estensivo la sua storia clinica, come le ho già detto a questa domanda può rispondere solo il suo anestesista.
2. Per quanto riguarda invece i farmaci usati ed a quali dosaggi dovrei tenerle una lezione di farmacologia e non è possibile da questo spazio.
Se Lei decide di operarsi deve affidarsi alla professionalità del suo anestesista che sceglierà per lei la metodica anestesiologica certamente più sicura.
Deve stare sereno e non farsi troppe domande, serve solo a stressarla e a non farle affrontare l'intervento nel migliore dei modi possibile: mi creda, se non è sereno non si operi.
Spero questa volta di essere riuscita a farmi capire, saluti.
[#6] dopo  
Utente 351XXX

Iscritto dal 2014
cosa potrebbe succedere che mi operi cmq avendo in testa ancora questi timori?