Utente 219XXX
Buongiorno,
in seguito ad una caduta dalla bicicletta mi sono fratturato il capitello del braccio sinistro e l'ulna. Sono stato operato e mi è stata inserita una protesi del capitello ed una staffa sull'ulna. Da dopo l'intervento mi è stato diagnosticato uno stupor radiale che mi impediva la supinazione del carpo e della prima falange di tutte le dita, mentre il polso non aveva particolari problemi. A distanza di due mesi il carpo ha recuperato circa il 50% del movimento di supinazione, il pollice e l'indice circa l' 80%, il mignolo circa il 70%, il medio e l'anulare invece, direi solo un 20%; in tutti i casi senza resistenza opposta al movimento. L'esame elettromiografico ha rilevato una sofferenza parziale del nervo radiale, ed i muscoli della mano sono parzialmente denervati.

La mia domanda è questa: è normale che tutta la mano si stia riprendendo con percentuali così diverse da muscolo a muscolo? E' possibile che il nervo radiale si rigeneri solo parzialmente per cui arriverò ad estendere tutte la mano tranne magari due dita (medio e anulare)? Oppure il fatto che queste due dita hanno recuperato comunque un 20%, significa che il nervo si sta rigenerando (magari più lentamente in certe fibre) per cui sicuramente recupereranno completamente, anche se con tempi più lunghi?

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

in medicina, il concetto di "normalità" non esiste.

Si ragiona solo in termini statistici.

La sua situazione rientra nella "normalità statistica", per cui deve solo aspettare e utilizzare gli integratori neurotrofici, che probabilmente sta già utilizzando.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 219XXX

Iscritto dal 2011
Grazie della celere risposta.
In effetti sto utilizzando Nicetile.

Capisco che in medicina ci si basa su statistiche, forse mi sono espresso male.

La domanda è questa: considerando la "normalità statistica" della mia situazione, ci sono buone probabilità che anche le dita più "pigre" possano col tempo estendersi come le altre, oppure le probabilità sono basse, oppure nessuno lo può dire?

Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Direi che ci sono buone probabilità.
[#4] dopo  
Utente 219XXX

Iscritto dal 2011
Grazie.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.