Utente 376XXX
Salve, sono un ragazzo di 18 anni, peso forma, ed è da 2 anni che soffro di episodi di ansia e stress.
Mi spiego meglio, ho avuto spesso periodi di tachicardia e per quasi un anno ogni notte non riuscivo a dormire perché i miei battiti acceleravano notevolmente ogni volta che mi sdraiavo sul letto. In più, mi è capitato due volte di aver subito un attacco di panico con la paura di morire. Il problema però e aumentato circa 6 mesi fa, quando, mentre stavo giocando a calcio con i miei amici ho avvertito un aumento notevole dei battiti con un senso di debolezza e vertigini. Da quel momento, ogni volta che pratico qualsiasi sport, avverto un aumento elevato dei battiti ed entro in agitazione. Ammetto di essere un ragazzo ansioso e ipocondriaco, però questa cosa non riesce a darmi pace. Inoltre, due anni fa ho effettuato un ecocardiogramma e come esito è risultato un leggero soffio al cuore, ogni anno effettuo un esame di ECG ed un ECG sotto sforzo per poter praticare sport, ed entrambi sono sempre risultati negativi. Infine 6 mesi fa ho effettuato un ECG holter anch'esso risultato negativo.
La mia domanda è, cosa posso fare, dato che sono un ragazzo che ha sempre amato fare sport, ho sempre militato in una squadra di palla nuoto sin da piccolo e una squadra di calcetto, ma è da più di 6 mesi che non riesco più a praticare alcun tipo di sport perché avverto sempre una forte tachicardia con difficoltà respiratoria.
In più, questa tachicardia spesso mi impedisce di condurre una vita tranquilla, perché spesso, anche mentre sono fuori mi tocco il petto per sentire i batti ed è da 2 mesi orma che la notte sento sempre i batti accelerati, dolore al torace e dolori sul braccio sx, il chè mi impediscono di dormire.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Lei è solo ansioso e per questo non ha bisogno del parere di un cardiologo, ma deve rivolgersi a uno psicoterapeuta.
Cordialità