Utente 199XXX
Da due anni io e mio marito siamo alla ricerca di una gravidanza.Dopo vari tentativi infruttuosi abbiamo effettuato accertamenti per capire dove fosse il problema. Su mio marito (ventottenne) è stato riscontrato un varicocele di II grado.
Dallo spermiogramma (informatizzato) effettuato in un centro specializzato di Palermo prima dell'operazione avvenuta a marzo è risultato quanto segue:
Diagnosi: Oligozoospermia, astenozoospermia.
Colore biancastro, volume 2,5 ml, viscosità normale, ph 7,8, liquefazione a 30' completa, astinenza 3 gg
Progressione veloce 5,9%, concentrazione 0,1 milioni/ml, 0,3 milioni/eiaculato
Progressione lenta 0,0%, concentrazione 0,0 mil/ml, 0,0mil/eiac.
Non progressivi 35,3%, concentraz. 0,8% mil/ml, 1,9 mil/eiac.
Immobili 58,8%, concentraz. 1,3% mil/ml, 3,2 mil/eiac.
Vitalità 58%
Analisi morfologica:
Normale 5,9%
anormale 94,1%

Né prima, né dopo l'intervento gli è stata prescritta alcuna terapia.
A inizio settembre ha ripetuto lo spermiogramma, di seguito il risultato:
Colore biancastro, volume 5,7 ml, viscosità normale, ph 7,8, filanza 0 mm, coagulazione presente, liquefazione a 30' completa, astinenza 3 gg
Spermatozoi 500.000/ml
Numero totale di spermatozoi 2.850.000
cellule rotonde 1.000.000/ml
Leucociti 500.000/ml
valutazione della motilità dopo 1 ora:
Motilità progressiva 0%
Motilità totale 10%
esame morfologico: non eseguibile

Vedendo questi risultati la scorsa settimana abbiamo ripetuto l'esame:
Diagnosi: ogni 4-5 campi microscopici si nota uno spermatozoo dotato di motilità debole o locale. P.S. Il conteggio è impossibile o quanto meno impreciso dato il non costante riscontro di spermatozoi nei campi di osservazione. Per lo stesso motivo è impossibile allestire un vetrino per la valutazione morfologica, anche se all'osservazione a fresco i rarissimi spermatozoi osservati appaiono profondamente alterati nella loro forma.
Astinenza 3 gg
Volume 4,3 ml
Liquefazione completa
Colore Opalescente
Viscosità normale
Ph 7,7
Cellule rotonde 1.000.000/ml
Leucociti 500.000/ml

Possibile che dall'intervento eseguito a marzo, o comunque dal secondo spermiogramma, lo sperma ha subito questo peggioramento?
Abbiamo qualche possibilità di ricorrere a fecondazione assistita?
Ora leggo su internet che alcuni dottori per precauzione fanno congelare lo sperma prima dell'intervento, a noi questo non è mai stato detto.
Perché c'è stato questo peggioramento?
Ho già fissato l'appuntamento con l'andrologo che ha effettuato l'operazione, ma se nel frattempo potete darci consigli saranno molto apprezzati!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,tutti gli esami seminali eseguiti,sia in microscopia ottica tradizionale che avvalendosi della informatizzazione,sono da considerare fortemente deficitari,nella stessa misura,in quanto le variazioni espresse non sono statisticamente significative.Semmai,si può discutere sulla utilità dell'intervento di varicocele ma,ormai,é acqua passata.Credo che l'unica strada sia quella di programmare una PMA.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno Dr. Izzo
Innanzi tutto La ringrazio per avermi risposto.
Siamo stati dall'andrologo che ha operato mio marito. Si è limitato a guardare solo lo spermiogramma che abbiamo portato. Credevo che, essendo la prima volta che tornava a visita dopo l'intervento, avrebbe fatto un'ecografia per vedere effettivamente come va. Abbiamo portato lo spermiogramma fatto prima dell'intervento, quello fatto a inizio settembre e quello fatto a fine settembre... quando ha visto l'ultimo ha detto: "questo cos'è?".... "è tutto normale! C'era un tentativo da fare e l'abbiamo fatto, non ci ha dato risultati migliori, ma questi possono riscontrarsi anche tra un anno, un anno e mezzo!"
Ha prescritto a mio marito l'integratore "Genadis" in bustine, una al giorno per 90 giorni, dopo di che deve ripetere lo spermiogramma.
Mio marito ha lamentato dolori nella parte che è stata incisa per effettuare l'operazione e dolori anche al testicolo sx (quello dove c'era il varicocele) ... lamenta che a volte prova dolore quando sta seduto ( e lui svolge un lavoro sedentario), ma il medico ha detto che è tutto normale, che è dovuto all'intervento, ma che è normale!
Ora chiedo, Le sue opinioni coincidono con quanto detto e prescritto dal dottore?
Sono normali questi dolori che mio marito ha ogni giorno, quasi continuamente durante la giornata?
Mio marito dice che nel testicolo sinistro avverte vene che nel dx non sente, perché?
Attendo un Suo riscontro, La ringrazio anticipatamente.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...la cicatrice dell'intervento può,saltuariamente,dare luogo ad una sintomatologia algica in sede testicolare,ma,anche,pertica e perinatale.Ritengo che,nel prossimo controllo,lo specialista di riferimento eseguirà un ecocolordoppler,come da routine post operatoria.Quanto ai sospirati miglioramenti del quadro seminale,...vedremo.Cordialità.