Utente 351XXX
Buongiorno,
sono una donna di 32 anni e mi sono sottoposta a elettrocardiogramma in quanto dopo l'attività fisica mi resta l'affanno e mi sono state riscontrate delle extrasistole. Ho eseguito il test da sforzo e durante lo sforzo sparivano, ho fatto anche l'ecografia al cuore, che risulta perfetta e poi ho fatto l'holter 24 ore e mi hanno riscontrato su 91000 battiti in 24 ore, 24000 sono extrasistole ventricolari (di cui 17000 bigemine). Il cardiologo mi ha detto che la causa è una cellula impazzita nel ventricolo che mi provoca le extrasistole ed è assolutamente da escludere l'ansia (anche se ne soffro e aumento i miei sintomi). Mi ha dato una terapia di omega 3 per 2 mesi per vedere se diminuiscono e mi ha detto di continuare a fare sport anche se in modo più soft in modo da non avere l'affanno finito lo sforzo. Il cardiologo ha detto che anche se sono numerose sono comunque benigne e non rappresentano un pericolo. Mi ha detto che anche che lo sforzo o lo stato di agitazione le fanno diminuire.
Vorrei avere un ulteriore parere... non devo preoccuparmi anche se sono frequentissime?
E' vero che non sono correlate all'ansia?
Il cardiologo dice che il disturbo di affanno dopo lo sforzo e i capogiri che mi vengono ogni tanto, sono dovuti all'extrasistole quando rientro in riposo... è possibile?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi, da lontano e senza poter visionare la documentazione non è facile risponderle....ma da quanto riporta è molto probabile che il suo cardiologo abbia ragione. Non è il numero totale delle extrasistoli ad essere pericoloso, sebbene 24.000 possono nel tempo creare qualche problema alla struttura e funzione del cuore. Questo non è matematico, ma se dovesse succedere si può sempre tentare un rimedio con un'ablazione transcatetere...non credo invece sulla possibilità di successo della terapia con omega 3.
Cordialità