Utente 395XXX
Salve. Ho subito 13 mesi fa un intervento di tenorrafia agli estensori del polllice e neurorrafia di un ramo sensoriale del nervo radiale all'altezza dell'avambraccio in seguito a una ferita lacero contusa dovuta a un taglio con un vetro. per quanto riguarda mobilità ed estensione dei movimenti del pollice tutto è tornato nella norma, ma ancora adesso accuso una sensazione di torpore sulla parte dorsale del pollice nel momento in cui lo tocco. Mi chiedevo se la sensibilità tornerà prima o poi o se, viste le tempistiche, la neurorrafia non abbia avuto successo. cosa mi consiglia di fare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

a distanza di 13 mesi ritengo ormai impossibile un miglioramento della situazione attuale.

Cosa possa essere accaduto a livello della neurorrafia è impossibile capirlo, ma è probabile che la cicatrice peri-neurale sia penetrata all'interno pregiudicando il passaggio delgli assoni a valle della lesione.

Potrebbe essere utile una tubulizzazione, in caso si ritenga opportuno un nuovo intervento.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2015
a distanza di ulteriori 6 mesi, chiaramente, la situazione non è migliorata. se volessi tentare una tubulizzazione del ramo sensore del radiale precedentemente suturato, sarei ancora in tempo? che struttura mi consiglia di consultare nella zona di Venezia che mi possa operare in tal senso e con le succitate tecniche?
La ringrazio della disponibilità.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Dovrebbe informarsi direttamente e trovare un chirurgo della mano che esegue abitualmente queste tecniche:

http://www.sicm.it/it/chirurghi-e-professionisti/i-soci/mappa-soci-sicm.html