Utente 153XXX
Salve dottori,
sono preoccupato per un problema che mi è successo qualche giorno fa.
Settimana scorsa (domenica) ho avuto un rapporto anale diciamo un po' difficoltoso, sottoponendo il pene a movimenti inconsueti forse per la poca lubrificazione.
Ho comunque portato a termine il rapporto (protetto).
Successivamente mi sono accorto che il pene a riposo rimaneva rigido, turgido
lungo l'asta e un po' dolorante, come intorpidito.
Non avevo ematomi forse le vene superficiali un po' più gonfie.
Anche internamente provo un leggero fastidio appena sotto il glande ma non necessariamente quando urino. Ho erezioni notturne normali e ho pensato di astenermi sessualmente per 2-3 gg. Giovedì mattina ho provato una masturbazione
e sembrava tutto a posto mentre il giorno dopo ho avuto solo un rapporto orale e il problema si è ripresentato. Anche ora al tatto nonostante sia flaccido lo sento sempre un po' duro.
Volevo sapere cosa mi consigliate e da cosa possa dipendere.
Devo prendere qualche farmaco antinfiammatorio e/o applicare una pomata?
Grazie mille
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

non è semplice definire il "grado di indurimento" del pene senza poterlo apprezzare.
direi che il fenomeno, così come deswcritto, non dovrebbe esssere espressione di patologia ma se il fenomeno persistesse una visita specialistica andrologica sarebbe opportuna
cari saluti
[#2] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio dottore
Aspetterò qualche giorno poi farò quello che mi consiglia.
Come tempo ancora una settimana potrebbe andare? Devo astenermi nel frattempo?
Salve.

[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

direi di si, il riposo fa sempre bene agli "atleti infortunati"
cari saluti