Utente 399XXX
Buongiorno,scrivo per avere un consiglio sulla mia situazione. Sono una persona innanzitutto ansiosa,ho avuto in 8 anni due episodi con tachicardia a 160 battiti causata da attacco di panico,l ultimo appunto 2 anni fa in seguito alla morte di mia nonna;sono andata al pronto soccorso,mi hanno fatto ECD riscontrando tachicardia sinusale e extrasistoli benigne,ed ecocardiogramma con tutto nella norma. Da due anni a questa parte non ho più avuto attacchi di panico,periodi di stress sì,con tachicardia o cardiopalmo,qualche extrasistole di rado. Ma ciò che mi preoccupa è che circa un mese fa ho avvertito delle extrasistoli molto più forti di quelle che ormai conoscevo,dei forti tonfi al cuore e molti di fila.La prima volta che li ho avvertiti pensavo fosse per la stanchezza,il poco sonno,anche perché la settimana dopo non ho più avvertito niente. Le settimane dopo di nuovo questi tonfi e sempre più di fila,mai singolarmente. Ora,dopo circa un mese appunto sono ricomparse le classiche extrasistoli,non più come tonfi al cuore ,ma la cosa che mi preoccupa è che da due giorni a questa parte ne avverto davvero tante.Pensando che fosse per ansia o stress ho provato a prendrere l Alprazolam e non ho più sentito extrasistoli...ma la cosa strana è che non c'è davvero niente in questo periodo che mi provoca più ansia o stress del dovuto!
È vero che a lungo andare anche le extrasistoli benigne possono aggravare la situazione del cuore?l alprazolam potrebbe essere una buona soluzione se fosse solo ansia e stress?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
La medicina fai da te è quanto di più pericoloso e meno razionale si possa mettere in opera....lei è un soggetto con ansia patologica, cosa che facilita le extrasistoli (anche quelle benigne) e quindi ha bisogno di un valido supporto psicoterapeutico. Sarà lo specialista a stabilire se ha bisogno di farmaci e di che tipo.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Innanzitutto grazie per la sua rapidissima risposta. Ho già provato un anno fa ad andare da una psicologa ma non mi sono trovata bene con lei,così ho lasciato perdere dopo due sedute. Secondo lei dovrei semplicemente tranquillizzarmi o ritiene opportuno che ripeta una visita cardiologica seppure due anni fa era tutto ok?
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Come le ho già detto per me lei ha bisogno di un bravo psicoterapeuta.... se non è andata bene in passato può sempre cercarne uno che per lei sia più bravo
[#4] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Grazie per il consiglio,lo terrò presente. Quindi per ora non ritiene necessario nessun altro controllo per il cuore? Vorrei solo sapere se delle extrasistoli quotidiane e ripetitive possono diventare pericolose anche in una persona sana ( con la speranza che da qui a breve possano placarsi)
[#5] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Le extrasistoli sono frequentemente benigne. Se non ha già fatto una valutazione cardiologica è comunque opportuno fare visita con ecg ed ecocardiogramma.
[#6] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Gli ultimi controlli risalgono appunto a due anni fa in seguito al mio arrivo in p.s per attacco di panico. Ritiene che in due anni ci sia anche una minima probabilità che sia cambiato qualcosa in una persona sana di 27 anni?