Utente 275XXX
Buongiorno dopo vari dolori al fianco destro, come magari potrete vedere da altre mie richieste di consulto, ho eseguito una ecografia muscolare / tendinea nella zona inguinale destra.Di seguito vi scrivo il referto:
l'esame ecotomografico della regione inguinale destra , riferita sede di algie,è stato eseguito con sonda lineare ad elevata frequenza in clino ortostatismo in comparativa basale e con valutazione dinamica in valsalva.
in condizioni di riposo il canale inguinale visualizzato lateralmente ai vasi epigastrici inferiori presenta ecostruttura e contenuto tubolare normale.
alla valutazione dinamica di valsalva si ha una marcata dilatazione del canale con obliterazione del normale contenuto da parte del tessuto adiposo preperitoneale e dell'intestino con quadro di ernia inguinale indiretta con riduzione completa del sacco erniario contenente peritoneo,tessuto adiposo e intestino con la sonocompressione della sonda.
non si rilevano segni di flogosi,non evidenzia di falde di versamento , non evidenza di adenopatie.

Ecco il referto, ora volevo sapere come è meglio comportarsi per evitare col tempo l'intervento....è meglio fare uso durante il lavoro di una mutanda di compressione? esercizi fisici, quali ginnastica per irrobustire i muscoli?

Io come lavoro guido faccio a volte molti sforzi, in quanto guido camion e faccio molti sali e scendi con spostamento di bidoni e secchi....

Grazie per il suo tempo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, le consiglio una visita chirurgica e se è confermata la presenza dell'ernia, la terapia è l'intervento.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 275XXX

Iscritto dal 2012
Andrò a breve a eseguire una visita chirurgica.....pensavo che non essendo ancora uscita l'ernia, si potesse rafforzare il tono muscolare per contenerla.....ma leggendo la sua risposta capisco che mi sbagliavo.....ho letto dei vari tipi di interventi possibili e dei vari tipi di anestesia. sarà il chirurgo e l'anestesista a scegliere l'approccio più adatto, certo è che io preferirei una anestesia locale.....cercherò se ci sono strutture nella mia zona che prediligono questo tipo di anestesia.....la terrò informata, buona giornata
[#3] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Si, può farlo se il chirurgo e l'anestesista sono d'accordo, come le auguro.
Saluti ed in bocca al lupo.