Utente 402XXX
Salve, scrivo poiché vorrei chiedere dei pareri su un problema che ho ormai da parecchio tempo e nel corso degli ultimi mesi è diventato"persistente". sono nata con una displasia delle anche, ora esattamente non ricordo se entrambe o solamente una. Avrei dovuto mettere il divaricatore ma per una serie di motivi me lo hanno tolto quasi subito. Ho fatto danza molti anni e qualche volta mi è capitato di avere piccoli problemi alle articolazioni quali ginocchio, piede e anche. Da qualche anno ho smesso di fare danza e la situazione è peggiorata. Premettendo che ho una leggera scoliosi e i piedi piatti, mentre cammino, spesso mi schiocca l'anca. A volte di più, a volte di meno, ma schiocca, anche quando non porto pesi. Ho prenotato gia una visita dall'ortopedico ma vorrei sentire anche altre opinioni, se la mia descrizione è sufficiente. È probabile che debba essere operata? O esistono metodi meno invasivi?
[#1] dopo  
Dr. Emanuele Caldarella
48% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Gentile utente,

è importante fare un passo alla volta. Ancora non sappiamo se ci sia una patologia, nè che tipo di patologia sia, quindi è presto per pensare ad eventuali fantomatici interventi.
Una domanda fondamentale: solo lo scroscio, o c'è anche dolore?

Di sicuro nel Suo caso sono presenti due fattori di rischio per lo sviluppo di disturbi dell'anca: il primo è la displasia congenita, il secondo è la pratica della danza.

E' di certo possibile che le Sue anche non abbiano nulla di preoccupante, ma è possibile anche che vi siano, PUR IN ASSENZA DI PATOLOGIA, fattori predisponenti che potrebbero crearLe disturbi in futuro.
Poiché tali fattori possono sfuggire all'occhio dell'ortopedico generico, mi permetto di suggerirLe di rivolgersi ad un centro specializzato nella patologia dell'anca. In questo modo potrà ricevere una conslenza dettagliata anche sui possibili sviluppi futuri del Suo caso. Credo che, considerando la Sua età giovanissima e i due fattori di rischio, questo aspetto sia fondamentale.

Ne parli con il Suo medico di base, che Le prescriverà una radiografia del bacino con proiezioni assiali delle anche, esame indispensabile all'ortopedico per effettuare le prime valutazioni e indirizzare eventuali altri accertamenti.

Mi tenga informato, se lo desidera

Distinti saluti