Utente 826XXX
Ho letto su alcuni siti che la masturbazione se eccessiva puo' portare a lungo andare a danni cerebrali e impotenza,e' vero tutto cio' o sono cose poco attendibili?io ho sempre avuto l'abitudine e noto che a volte faccio fatica a trattenermi nonostente sia sposato e la pratica mi toglie energie sia erettive che orgasmiche quando ho il rapporto di coppia e a volte devo usare levitra,in piu' volevo chiedere se cisono alternative ai prodooti tradizionalmente in uso per il deficit erettile,ho sentito parlare delle fave di fuca

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,lamasturbazione non provoca cecita' ne' cancro ne' altro...L'importante e' che l'atto sia espletato in serenita',senza accanimento,come,credo,sia solito fare.Va da se' che qualcosa tolga all'interesse per una donna,specie se convivente...Non concordo sull'uso del farmaco pro-erettile,in quanto,eventualmente il problema e' di desiderio sessuale e non erezione.Sulle fave di fuca non ho esperienza clinica e,certamente,non possono essere delle alternative ai farmaci di cui possiamo usufruire.Mi domando se sia stato mai seguito da un andrologo...Cordialita'
[#2] dopo  


dal 2010
Si ho avuto consulenze da un paio di andrologi che mi hanno detto che il viagra e successivamente il levitra erano le uniche soluzioni al mio problema visto che l'integrazione del testosterone con testogel 50 mg non aveva funzionato farmaco che mi era stato dato per carenza di testosterone libero(13pg/ml)estrogeni 20pg/ml.soprattutto nei mesi estivi assisto ad una caduta del desiderio come quando faccio bicicletta o counque consumo energie sudando in palestra
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...l'attivita' sportiva puo' dar luogo ad una minore disponibilita' di testosteronee,quindi anche ad un calo della libido.La determinazione della forma libera,a mio parere,non e' attenedibile per limiti oggettivi del kit laboratoristico.Ho qualche perplessita' sulle motivazioni addotte dagli andrologi consultati per motivare la medicalizzazione del rapporto sessuale...
Cordialita'
[#4] dopo  


dal 2010
Vorrei chiederle inoltre se questi farmaci possono agire sulla muscolatura liscia del cuore e creare problemi in futuro alle coronarie,aritmie ecc.
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...sta ponendo un problema che non esiste in quanto non vedo perche' debba considerarsi un ipogonadico ad ogni costo...Cordialita'.