donna  
 
Utente 556XXX
gentile dottore sono una donna di 46 anni ,ho fatto una visita cardiologica con elettrocardiogramma e ecocardiogramma ,il motivo perchè sono una persona ansiosa e ipopcondriaca.il dottore mi ha tranquillizzata dicendomi tutto a posto Quando sono andata a casa ho letto il referto e c'è una cosa che mi ha un pò agitata perchè c'era scritto nel ecg ritardo della conduzione intraventricolare,vi chiedo gentilmente cosa potrebbe essere e se ha influito il ritmo tachicardico che avevo durante la visita .Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
no signora, un ritardo della conduzione intraventricolare é di comunissimo risconteo in moltissime persone.
non é una patologia

arrivedrcii

cecchini
[#2] dopo  
Utente 556XXX

Iscritto dal 2008
gentile dottore grazie per la vostra risposta ,vorrei farvi solo altre due domande per tranquillizzarmi ancora di più. vorrei chiedervi dato che nelle analisi precedenti fatti negli anni precedenti questa anomalia non è mai stata menzoniata ,come è comparsa potrebbe anche scomparire? poi la cosa più importante che voglio chiedervi se questa condizione potrebbe essere la spia della sindrome del qt lungo o della sindrome di brugada ,e se sono difficili da interpretare sull'e.c g . quindi se un cardiologo si potrebbe confondere.dottore sono purtroppo una persona ipocondriaca vi chiedo scusa per il disturbo e vi ringrazio anticipatamente
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non c è alcun nesso con il qt lungo i brugada
Essendo una variante della normalità a volte si segnala altre volte no
Si tranquillizzi

Cecchini