Utente 124XXX
Buonasera,

un mese fa circa ho cominciato ad avvertire fastidio dopo aver lavorato in giardino scavando un buco. Non ho dato peso alla cosa ed ho continuato ad allenarmi in palestra ed a lavorare (lavori manuali taglio erba e legname) trascurando il tutto.

Vedendo che non passava sono andato dal medico di base che mi ha prescritto antinfiammatori.

Brufen 600mg + Cerotti + Tachidol

Non avendo avuto alcun effetto mi ha prescritto RX + Visita da Ortopedico con causa "tendinopatia".

RX: Non si apprezzano alterazioni ossee focali.
Un poco ridotta l'ampiezza dello spazio sotto acromiale.
Non calcificazioni nei tessuti molli periarticolari.
Normale il tono calcico.


Venerdì mattina mi sono recato dall'ortopedico che dopo aver visionato la RX ed avermi ascoltato mi ha spiegato che è presente un

"S. conflitto spalla destra" (copio da referto).

Mi ha spiegato che ci sono due vie di procedere, o intervento chirurgico o infiltrazioni cortisone.

Ovviamente ho scelto le infiltrazioni. 3 infiltrazioni a distanza di 15gg l'una dall'altra.

Quindi "eseguita infiltrazione con Depomedrol e Lidocaina" (copio da referto)

Venerdì notte (giorno dell'infiltrazione) non sono riuscito a prendere sonno e sabato ho avuto un peggioramento totale, dovevo spostare il braccio destro con quello sinistro ed avevo dolore anche da fermo.
Domenica il dolore aggiuntivo è migliorato ed oggi (lunedì) sono tornato praticamente alla situazione iniziale (prima dell'infiltrazione).


Ora i miei dubbi sono:

E' normale non avere alcun beneficio dall'infiltrazione anzi ho avuto un peggioramento?

E' un farmaco che fa effetto nel tempo e devo aspettare?

Mi conviene proseguire con le prossime o andare a fare altre visite magari privatamente?

Da come prosegue questa cosa ho il terrore di non potermi allenare più e di perdere tono muscolare, in sostanza mi sta cominciando a salire la preoccupazione.

Ho scritto al mio medico di base ma al fatto del peggioramento mi ha risposto che "potrebbe essere normale", gradirei un parere preciso se possibile, perchè "potrebbe" significa tutto e niente.

Grazie infinite per la pazienza

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Roberto Leo
32% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
VENIAMO ALLE SUE DOMANDE A PARTIAMO DALL'ULTIMA

1) gradirei un parere preciso se possibile, perchè "potrebbe" significa tutto e niente.
SPERO POTRA' COMPRENDERE CHE UN PARERE PRECISO PUO' SCATURIRE SOLO DA UNA VISITA CLINICA REALE E NON VIRTUALE COME LA PRESENTE CHE PUO' FORNIRE UNICAMENTE UN PARERE ORIENTATIVO

2) E' normale non avere alcun beneficio dall'infiltrazione anzi ho avuto un peggioramento?
PER ALCUNE ORE IL PEGGIORAMENTO CI PUO' ESSERE

3) E' un farmaco che fa effetto nel tempo e devo aspettare?
DEVE ATTENDERE UNA SETTIMANA ALMENO

4) Mi conviene proseguire con le prossime o andare a fare altre visite magari privatamente?
PRIVATO O PUBBLICO NON E' QUESTO IL PUNTO
IL PUNTO E' SE LE INFILTRAZIONI SIANO LA UNICA SOLUZIONE POSSIBILE A PARTE L'INTERVENTO
PERSONALMENTE PREFERISCO LAVORARE MEDIANTE CURE FISICHE COME LA LASER TERAPIA AD ALTA POTENZA, LA TECARTERAPIA E LA APPLICAZIONE LOCALE DI GHIACCIO E DI CEROTTI ANTI INFIAMMATORI

CORDIALI SALUTI
[#2] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la veloce risposta.

Il parere preciso lo chiedevo riguardo il funzionamento del farmaco e non riguardo la diagnosi.

Il peggioramento l'ho avuto per 48 ore circa, non per alcune ore bensì per due giorni. Volevo solo capire se questo era previsto.

Aspetterò una decina di giorni e se non ho alcun miglioramento mi farò visitare da un altro medico.

Ringraziandola nuovamente la saluto.
[#3] dopo  
Dr. Roberto Leo
32% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
La risposta al cortisonico e' variabile da soggetto a soggetto
La risposta che lei ci ha riferito e' tra le possibili risposte senza che cio' debba in alcun modo allarmarla
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Grazie ancora.