Utente 416XXX
Salve, ho 16 anni e ogni tanto avverto un dolore localizzato all'altezza delle costole sia al centro che più sulla sinistra. Non mi viene spesso ma ieri ad esempio ce l'ho avuto più o meno per tutto il giorno e mi sono leggermente spaventato temendo fosse qualcosa riguardante il cuore, ne avevo già avuti di simili quest'inverno durante un'influenza ma in quel caso mia madre mi rassicurò dicendomi che la causa erano i continui colpi di tosse che facevo.Stamattina mi sono svegliato e inizialmente non avevo nessun dolore ma più tardi mi è un po venuto anche se ora è nuovamente passato. Anche ieri mi diceva che erano semplici dolori intercostali legati alla crescita, ma leggendo notizie su infarti e arresti cardiaci avvenuti a ragazzi della mia età mi sono ulteriormente spaventato. Questi dolori si sono iniziati a manifestare un paio di anni fa con delle fitte al petto che mi venivano ogni tanto ma allora non ci davo molto peso. Per rasserenarmi mia madre mi ha prenotato un elettrocardiogramma basale che farò il 3 Agosto. Secondo voi questi dolori possono essere legati davvero al cuore o è solo una mia fisima? L'elettrocardiogramma può essere attendibile? Ho letto che c'è una piccola possibilità che non riscontri eventuali problemi presenti.. Grazie per la risposta!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
concordo con sua madre che i dolori che lei avverte siano di natura nevralgica o muscolo - scheletrica.
Specialmente se hanno la caratteristica di pugnalate, sono cioè "dolori terebranti".
Quindi si tranquillizzi.
In quanto all'ECG basale serve sicuramente ma io, fossi il suo medico, le farei fare anche un ecocolordoppler cardiaco: la sua è proprio l'età più adatta.
Tutto senza fretta alcuna.
In Medicina, per definizione, nessun esame è certo al 100% trattandosi di una scienza non esatta. Non esistono esami per prevenire la morte aritmica che può colpire anche un cuore strutturalmente sano: io, sua madre, siamo tutti esposti a questa remota eventualità. Lei compreso ovviamente.
Ma è come dire che camminando le possa cadere un vaso di fiori in testa da una finestra...... Che fa va in giro con il casco?
Vada a divertirsi che oggi è sabato e siamo in estate....
Saluti,
Dott. Caldarola.

[#2] dopo  
Utente 416XXX

Iscritto dal 2016
Grazie!