mano  
 
Utente 283XXX
Salve, espongo il mio problema..circa due mesi fa ho dato un pugno con la mano destra su una panca di legno, dopo aver ricevuto una brutta notizia. Nessun dolore,ma dopo qualche minuto ho iniziato ad accusare la parte destra della mano tipo appesantita, intorpidita. Dopo qualche ora tutto passato. A distanza di un paio di giorni ho iniziato ad accusare fortissimi dolori al lato destro della mano, soprattutto se con l altra mano prendo la mano destra e cerco ci ruotarla premendo dal lato destro. Dolore allucinante, e fitte anche a riposo. Mi accorgo che nella parte destra alta della mano, c e' una sorta di palla, dura. Dolente. Eseguo Rx della mano. Esito negativo. A distanza di 1 mese il dolore non si placa.
Vado dal mio medico e da uno specialista in riabilitazione ortopedica il quale sente la palla, non sa cosa sia ma addebita il tutto al.pugno, (forse callo osseo? Dice)
Prescrive ultrasuoni ed elettroterapia diadinamica. Dopo 10 sedute, a distanza di due mesi la mano, la parte destra della mano, e' sempre dolente, se cerco di piegarla torcendola e premendo la parte destra all interno, il dolore e' intenso...
Vi chiedo, se la causa e' stata il pugno, qualsiasi cosa fosse successa, a distanza di due mesi potrebbe ancora dar dolore? Mi sembra strano...
Cosa potrei fare se dai raggi non e' uscito nulla? Ultima indicazione, quando facevo gli ultrasuoni, quando passavo nella zona alta, destra,il dolore diventava insopportabile, segno che la parte e' infiammata.
Vi ringrazio per la vostra attenzione.
Cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Non è possibile esprimere un parere su un quadro clinico sconosciuto solo leggendo la Sua descrizione: in particolare non esiste il "lato destro" di una mano perché già passando da palmo in alto a palmo in basso (cioè da mano supina a mano prona) quello che poteva essere a destra diventa a sinistra. Mi pare strano che di fronte a una "palla" non si approfondiscano le indagini per arrivare a una diagnosi, e invece si prescrivano delle terapie senza sapere quale sia la finalità. Tra l'altro per sospettare un callo osseo bisogna che prima si sia accertata la presenza di una frattura. Non ho elementi per fare ipotesi utili, sia perché senza aver visitato il paziente non è possibile decidere una diagnosi (anzi, è vietato dalla Legge e dal Codice Deontologico), sia perché non è chiara la sede. Le suggerisco di farsi visitare da un ortopedico esperto in chirurgia della mano. Può trovare qui http://www.sicm.it/it/chirurghi-e-professionisti/i-soci/mappa-soci-sicm.html (zoomando sulla mappa) gli Specialisti più vicini, anche se limitatamente a quelli iscritti alla Società, con indicate anche le strutture pubbliche presso le quali lavorano, oppure vedere qui i Centri di Riferimento per la Chirurgia della Mano. http://www.sicm.it/it/chirurghi-e-professionisti/centri/elenco-centri-mano-italia.html. Nella città che ha indicato nei Suoi dati c'è una affermata scuola di Chirurgia della Mano, per cui non Le sarà difficile individuare lo specialista adatto al Suo caso.
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD