Utente 131XXX
Buon giorno,
Ho effettuato una ecografia all'addome superiore per verificare due cisti al fegato che si erano riscontrate durante una precedente TC Coronarica (che non ha riscontrato alcuna anomalia). L'esito è stato il seguente:
"Fegato dimensioni nei limiti con solo iniziali fenomeni di steatosi. Si conferma presenza di 2 cisti di 13 e 12 mm rispettivamente nel III e II segmento epatico. Non lesioni focali solide.
Colecisti distesa e senza calcoli. Vie biliari non dilatate.
Pancreas regolare.
Milza ingrandita, di 13,8 cm, senza aleisoni focali.
Regolare per dimensioni con struttura entrambi i reni con diametro interpolare a destra di 10,8 cm.Non lesioni focali, calcoli o dilatazione calico-pelvica.
Aorta sottorenale di 19 mm, ancora nei limiti.
Non adenopatie paraortocavali. Non versamento"
Mi pare che per le due cisti non ci siano problemi, mentre invece non so cosa possano essere le cause della milza ingrandita e quali eventuali analisi vadano eseguite.
Grazie in anticipo per la cortese collaborazione e cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Una milza ingrandita può riconoscere una innumerevoli serie di fattori causali.
E' difficile e sarebbe anche scorretto senza una accurata anamnesi formulare ipotesi diagnostiche.
Indubbiamente è necessario una serie di esami ematochimici di I livello come un banale emocromo, la valutazione della funzionalità epatica e renale, la protidemia totale e l'Elettroforesi proteica, e una batteria di esami infettivologici che comprendano l'HBV, l'HCV, la Mononucleosi (EBV) la malattia da Citomegalovirus (CMV) e la Toxoplasmosi.
Inoltre una sierodiagnosi di Widal - Wright (per Brucella- Tifo e Paratifi).
Ne parli con il curante e faccia tesoro del suo parere, perchè questo è un consulto telematico.
Faccia sapere se vuole.

Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille Dott. Caldarola. Mi sono recato stamattina dal mio medico curante mostrando l'esito dell'ecografia e riferendo anche il Suo gentile commento. La dottoressa che mi segue da moltissimi anni mi ha detto che non vede motivi gravi che possano causare questo ingrossamento (che comunque risulta essere moderato in quanto una milza normale può essere anche di 12 cm) conoscendo il mio ottimo stato di salute e anche il fatto (che ho omesso di dire nel mio precedente messaggio) di svolgere, nonostante la mia età, ancora una intensa attività sportiva (MTB, nuoto, palestra etc). Mi ha anche detto che forse proprio la lunga e continua attività sportiva potrebbe essere una causa dell'ingrossamento. In ogni caso insieme ai soliti esami che mi prescrive ogni anno (glucosio, colesterolo, trigliceridi etc.) mi ha prescritto anche i seguenti: Transaminasi GOT (AST), Transaminasi GPT (ALT), Elettroforesi Proteica, Gamma Glutamil Transpeptidasi (GAMMA GT), Citomegalovirus (Ricerca anticorpi IGG), Citomegalovirus (Ricerca anticorpi IGM), Virus Epatite B (HBV Ricerca HBSAG), Virus Epatite C (HCV Anticorpi). La terrò senz'altro informata sugli esiti. Ancora grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Di nulla. A prewsto, dunque.
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Buon giorno dott. Caldarola. Ho ritirato oggi gli esiti degli esami che vanno tutti bene salvo ANTICORPI ANTI-CITOMEGALOVIRUS IgG (116). La mia dottoressa mi ha detto che questo valore significa solo che ho avuto questa malattia in passato (che spesso non da sintomi evidenti), ma che è stata risolta. Infatti il valore IgM è perfettamente nella norma. Per quanto riguarda la milza ingrandita pare non ci siano motivi evidenti e pertanto mi ha detto di ripetere l'ecografia fra 2 o 3 mesi per controllare la situazione. Lei che ne dice?
Grazie ancora per la cortese collaborazione
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
E' un'ottima idea.
Mi faccia sapere, se vuole.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.