Utente 409XXX
Buongiorno, ho eseguito un ECG holter e mi è stato riscontrato un allungamento del qt corretto durante sforzo (il qt corretto negli episodi di tachicardia dovuti a sforzo arriva a 520 msec), mentre a riposo si mantiene nei limiti della normalità. Premesso che sono in cura con tecfidera (dimetilfumarato) per sclerosi multipla, è possibile che il farmaco incida sull'allungamento del qt? Inoltre il mio calcio ionizzato è pari a 4.4 mg/dl, è possibile che incida anche questo? Ovviamente nei prossimi giorni effettuerò una visita cardiologia, ma vorrei avere risposta a questi miei dubbi. Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
Il Tecfidera non interferisce con l'intervallo QTc
Se sotto sforzo il suo intervallo QTc arriva a 520 msec, verosimilmente lei è portatore di una sindrome da QT lungo che tipicamente si slatentizza sotto stimolo adrenergico.
Si senta con il suo curante per confermare con un test da sforzo al Cicloergometro o al Tapis Roulant l'allungamento dell'intervallo QT e porre la diagnosi di LQTS ricorrendo anche a test genetici, oggi disponibili. Indispensabile un Ecocardiogramma color doppler.
E' ovvio che le è preclusa la possibilità di fare sport ed è necessaria una adeguata terapia che può andare dalla somministrazione di Beta Bloccanti all'impianto di un defribrillatore.
Devono inoltre essere banditi tutti i farmaci che provocano l'allungamento del QT, anche da banco, valutata la funzione tiroidea e la funzionalità renale con l'elettrolitemia.
Il suo calcio ionizzato è nella norma.
Faccia sapere se vuole.

Buona domenica,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 409XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per la risposta. Volevo anche dirle che questa problematica è insorta recentemente, anche perché ad una prova da sforzo fatta per attività agonistica nel settembre 2006 non risultò nulla di anomalo. È possibile che solo ora si manifesti? Comunque gli elettroliti sono nella norma, come anche la funzionalità tiroidea e renale.
[#3] dopo  
Utente 409XXX

Iscritto dal 2016
Inoltre in famiglia non ci sono casi di LQTS.
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Che vuole che le dica?
Lei mi riferisce un valore di 520msec sotto sforzo che è fuori range di normalità io le prospetto la sindrome del QT lungo.
Se poi il valore è stato calcolato male di questo io non rispondo.
Non è certo colpa mia se il software del computer ha dato un valore sballato e il cardiologo refertatore non l'ha verificato a mano.
Ne parli con chi le ha refertato l'Holter o riporti pedissequamente le conclusioni firmate e timbrate dal Cardiologo.
Perchè mi sorge il dubbio che lei stia riferendo dati che ha letto nel report ma che non sono stati validati.
Così possiamo risolvere il dilemma.

Cordialità,
Dott. Caldarola.
[#5] dopo  
Utente 409XXX

Iscritto dal 2016
Ho parlato con il cardiologo telefonicamente perché non potevo ritirare il referto. Non appena ritirerò il referto (martedì), parlerò di persona col cardiologo e Le farò sapere con maggior precisione. La ringrazio ancora e mi scusi per non averle dato elementi sufficienti. Buona domenica.
[#6] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Ma si immagini.
A presto.
Buona continuazione di giornata,
Dr. Caldarola.