Utente 426XXX
Buongiorno Gentili Dottori,
ieri dopo pranzo ho iniziato ad accusare un blocco allo stomaco, con qualche capogiro ed un po' di nausea (il pranzo è stato abbastanza leggero: mezzo branzino, qualche patata al forno e una mela). Verso metà pomeriggio sono andato dal parrucchiere e mentre camminavo il senso di blocco allo stomaco si è leggermente attenuato, mentre nausea e capogiri erano momentaneamente scomparsi. Arrivato dal parrucchiere il senso di blocco allo stomaco è tornato uguale a com'era prima a casa, sono ripresi i capogiri e la nausea, hanno iniziato a manifestarsi dei gorgoglii all'intestino e ho iniziato ad avvertire qualche battito leggermente ritardato e più intenso degli altri (come mi succede tutti i giorni del resto). In seguito ho iniziato a sentirmi caldo e ho iniziato a sudare e nel giro di poco è iniziata anche una moderata tachicardia (appoggiando le dita alla tempia e contando i battiti in 6 secondi per poi moltiplicare il risultato per 10, i battiti si aggiravano intorno ai 150). Il mio parrucchiere, un po' spaventato dalla situazione e dal mio lieve pallore, ha deciso di chiamare l'ambulanza. Arrivato al PS mi hanno sottoposto ad un elettrocardiogramma, il cui referto è il seguente:

Frequenza ventricolare: 77 bpm
Intervallo PR: 132 ms
Durata QRS: 102 ms
QT/QTc: 366/414ms
Assi P-R-T: 69 78 49

Conclusioni:
Ritmo sinusale CON MARCATA ARITMIA SINUSALE
Normale conduzione AV
Ritardo aspecifico della conduzione intraventricolare
Normale ripolarizzazione VS

Dopo la visita con il medico di turno sono stato dimesso senza alcuna particolare indicazione.

Premetto che una decina di giorni fa mi sottoposto ad un elettrocardiogramma dinamico secondo Holter per via dei battiti ritardati e più intensi che continuo a percepire ormai da tempo. Il referto è stato il seguente:

Battiti: 105457
Normale=99%
Stimolato=0%
Atipico=0%
Artefatto=3%

FC media: 75 bpm
FC min: 48 bpm (02:42(1))
FC max: 131 bpm (18.18 (1))
AFIB: 0h, 0m (0%)

VEB: 271
- max 47VEB/h (05:50(1))
CPT: 0
TV: 0
BIG: 0
TRIG: 0

SVEB: 36
SVS: 0
TSV: 0
PAU: 0
BRA: 0

Conclusioni:
Ritmo sinusale costante durante la registrazione.
Frequenza cardiaca media 75 bpm.
Normale conduzione atrioventricolare.
Occasionali battiti ectopici ventricolari isolati, tardivi, monomorfi.
Alcuni besv isolati. Non pause.
Normale ripolarizzazione ventricolare.

Premetto inoltre che negli anni passati ho eseguito anche un Ecocardiogramma, un Ecocardiogrammacolordoppler, altre due holter e tre test da sforzo tutti risultati nella norma. Anche dalla visita cardiologica che ho fatto all'inizio del 2013 non è risultato nulla di anomalo se non un lieve rigurgito mitralico e tricuspidale e un BESV. Purtroppo, a causa dello studio, ho sofferto e soffro tutt'ora di Disturbi di Ansia per i quali sono in cura.

Volevo pertanto chiedervi, alla luce dei dati che vi ho fornito, se è il caso di fare ulteriori accertamenti e se sapreste dirmi qualcosa in merito a quello che mi è successo.
Cordiali Saluti.
Matteo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Matteo,
una aritmia sinusale è una variante della normalità, quindi non una patologia.
Il suo ECG di PS è del tutto normale.
E lo stesso l'Holter ECG/24h.
Forse se è seguito da uno specialista dell'ansia e non riesce a venirne fuori, dovrebbe parlare con lui per un eventuale aggiustamento terapeutico.
Per il resto mi pare che di esami cardiologici ne abbia fatti abbastanza.

Cordialità,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2016
Buonasera Dottor Caldarola,
La ringrazio davvero molto per la tempestiva risposta.
Se mi permette vorrei chiederLe un'altra informazione: non è la prima volta che mi capita di soffrire di episodi di tachicardia apparentemente anomali in quanto non conseguenti a sforzo fisico o emozioni intense, i quali si sono presentati sia di giorno che di notte, quasi sempre associati ad altri sintomi come giramenti di testa, mancanza d'aria e, a volte, tremori. (Preciso che questi episodi, una decina in tutto, sono iniziati a Giugno di quest'anno). Il mio medico di base, dal quale mi sono fatto visitare dopo i primi attacchi, mi ha detto che essi sono uno sfogo del mio stato di forte stress. Alla luce però dell'Holter 24h, nel quale è stata segnalata la presenza di Battiti Ectopici ed, in particolar modo, di Battiti Ectopici Ventricolari, potrebbe essere che le tachicardie anomale di cui ho sofferto siano causate dai Battiti Ectopici di cui soffro o che tra essi vi sia una correlazione? Oppure entrambe le problematiche (tachicardia e battiti ectopici) sono due manifestazioni a se stanti generate dal mio stato di stress?
Cordiali Saluti,
Matteo
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Lei ha
"Occasionali battiti ectopici ventricolari isolati, tardivi, monomorfi."
"Alcuni besv isolati (36 dice il computer)"
Sia gli uni che gli altri sono presenti nei cuori più sani, anche in misura molto maggiore.
E' ovvio che tutte le situazione ansiogene le fanno aumentare la frequenza e le EXS o la percezione di esse.
Perciò si tranquillizzi. E se non riesce a farlo da solo si affidi a chi sa curare l'ansia.
Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2016
Buongiorno Dottor Caldarola,
La ringrazio di cuore per la risposta.
Cordiali Saluti.
Matteo
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve Sig. Matteo,
Di nulla.
L'importante è che sia sereno.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.