Utente 427XXX
Gentilissimi Dottori,
il 20 agosto 2016 mentre giocavo a pallone ho preso una brutta storta alla caviglia destra, considerando che in passato mi è capitato diverse volte con tumefazione e gonfiore l'ho curata con ghiaccio fascia aderente e antinfiammatori, quali voltaren emulgel, e nel giro di massimo 15 gg guarivo tranquillamente. Era di venerdì sera, il lunedì seguente sono andato dal mio medico curante e spiegando le stesse cose mi ha detto che potevo anche non fare i raggi e che avrei dovuto continuare così come fatto in precedenza. Io ho sottovalutato il problema, sforzando la caviglia e il piede. Comunque i primi gg di ottobre, dopo che l'ematoma e il gonfiore erano venuti meno io continuavo a sentirmi sempre dei dolorini ai lati del piede e della caviglia, alche sono andato dal dottore nuovamente e mi ha consigliato di fare la RM. Fatta il 10/10/2016 e i risultati riportati il 18/10/2016 sono i seguenti:
esiti di pregressa frattura-distacco dall'apice del malleolo peroniero.
Area di sofferenza spongiosa subcontrale all'apofisi anteriore dell'astragalo-peroniera.
Modesta falda fluida intrarticolare modesta falda fluida nel articolazione tibio-astragalo-peroniera.
Piattismo della volta plantare.
Fenomeni degenerativi artrosici tra secondo e terzo cuneiforme e relativi metatarsi, con un paio di piccole focalità condro-malaciche a carico dei capi articolari.
Nei limiti gli altri reperti
Io, preoccupato, perchè per me era la prima volta sia della RM sia delle conseguenze sono andato dal mio dottore curante e mi ha detto che di grave non c'è niente, e mi ha mandato dall'ortopedico per quanto riguarda il piattismo della volta plantare. E lunedì 7/11/2016 andrò dall'ortopedico.
Sinceramente, sono preoccupatissimo perchè temo il peggio. C'è stato un momento che sembrava fosse passato tutto, nell'arco di questi 2 mesi, non ho avuto dolori e quindi tre gg fa ho cercato col faidate di fare alcuni esercizi fisici per testare la caviglia e sono ritornati i dolorini e quindi ho ripreso nuovamente a bendarmi la caviglia e mettermi la voltaren e a tenere la gamba tesa verso l'alto. Adesso provo dolore nel momento in cui appoggio il piede a terra, dopo averlo tenuto disteso a lungo. Una volta che cammino non sento particolarmente dolore, a freddo appoggiando il piede sento dolorini, sarà suggestione perchè ormai sono più di due mesi che sento questi dolorini.
Vi chiedo, gentilmente, se potrò finalmente ritornare a camminare nuovamente come prima e quindi correre?
E cosa fare per curarmi e quanto ci vorrà per il recupero completo, mettendoci buona volontà nel curarmi?
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Alessandro Caruso
40% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Egr. signore , lei ha trascurato una frattura - distacco parcellare del malleolo peroneale dx. che avrebbe dovuto immobilizzare almeno per 20 gg.
Bastava una radiografia in agosto ed una immobilizzazione del collo piede per almeno 20 gg.
Comunque pur non avendo curato un serio trauma, non dovrebbe esserci nulla di serio, ma certamente va valutata la caviglia e la funzionalità.
Domani andrà dallo specialista ortopedico e le dirà ogni cosa e le prescriverà certamente della fisiochinesiterapia.


Cordiali saluti
alessandrocaruso26@gmail.com
[#2] dopo  
Utente 427XXX

Iscritto dal 2016
Gentilissimo Dott. Caruso,
La ringrazio per la Sua disponibilità e per le informazioni datemi. Stamani l'ortopedico mi ha confermato che non è nulla di grave e che devo seguire due tipi di terapia magnetoterapia e la tecar terapia alla caviglia dx e di prendere degli integratori condronil a bustine x 2 mesi e usare la cavigliera elastica. Temevo molto peggio. Ad ogni modo, se Le farà piacere, La consulterò nuovamente per farLe sapere come va il processo di guarigione.
Cordialmente
Stefano
[#3] dopo  
Prof. Alessandro Caruso
40% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
La magnetoterapia non serve granchè nelle normali fasi di consolidazione di una frattura; sopratutto in casi cosi lievi come un discacco parcellare che guarisce spontaneamente , secondo biologia.
Ogni seduta di magnetoterapia, a differenza di altri presìdi di terapia fisica, deve durare dalle 6 alle 8 ore giornaliere .
E' utile nelle mancate consolidazioni di frattura ( pseudoartrosi) e negli accertati ritardi di consolidazione, oltre alle gravi lesioni ove bisogna rigenerare i tessuti molli.

Cordiali saluti .
alessandrocaruso26@gmail.com
[#4] dopo  
Utente 427XXX

Iscritto dal 2016
Ok, La ringrazio nuovamente.

Cordialmente

Stefano
[#5] dopo  
Utente 427XXX

Iscritto dal 2016
Gentilissimo Dott. Caruso,
ho iniziato a distanza di una settimana la cura con integratori e cavigliera, però non ho chiesto, per mia mancanza, informazioni riguardo l'uso della cavigliera, cioè per quanto tempo devo indossarla al gg e in che momento della giornata è utile indossarla?

Cordialmente

Stefano