Utente 111XXX
Gentili dottori e gentili utenti;
Desidererei avere un consulto in merito a quanto segue.
Da circa un mese ho iniziato a praticare nuoto, ed ho notato che dopo una decina di minuti di esercizi in acqua si verifica la risalita del testicolo sinistro.
Credo che il testicolo resti nel canale inguinale perche' alla palpazione continuo a sentirlo, ma non riesco a determinare una sua discesa, a meno di una forzatura manuale e contrazione della gambe.
Desidero sapere fino a che punto l'acqua, la temperatura o qualche altro riflesso possa determinare questa condizione e fino a che punto essa possa essere fisiologica.
Terminata l'attivita' in acqua, dopo un po' il testicolo ritorna nella sua sede normale.
E' una situazione preoccupante?
C'e rischio che il testicolo possa rimanere fuori la sede scrotale?
Mi era gia' capitato qulache episodio del genere, sempre e solo in acqua e parecchi anni fa, ma non ci feci particolarmente caso.
Aspetto vostri riscontri.
Grazie anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
direi che Lei potrebbe presentare quella che gli Autori Anglosassoni hanno ribattezzato "sindrome del testicolo in ascensore". Questa definizione di per sè rende bene l'idea.
In altri termini il Suo testicolo risale in maniera abnorme verso l'alto in direzione del canale inguinale. Questa risalita può avvenire casualmente, dopo i più svariati stimoli o in determinate condizioni o posizioni (esposizione al freddo, alla guida della moto o dell'auto, durante il sonno, durante l'attività sportiva, durante l'atto sessuale). Le cause sono da scrivere almeno grossolanamente a tre condizioni:
1) particolare lassità o mancanza dei normali meccanismi anatomici di fissaggio del testicolo nello scroto.
2) un funicolo spermatico (il funicolo sospende il testicolo nello scroto) particolarmente breve.
3) Una ipertrofia (aumento di sviluppo) del muscolo cremastere che, già di norma, provvede al corretto movimento del testicolo nello scroto.
A parte il fastidio, che può divenire però notevole, il vero rischio è che muovendosi bruscamente, il testicolo vada incontro ad una sub-torsione o ad una torsione vera e propria. In questo caso il pericolo di perdere l'organo interessato è notevole, a meno di non riconoscere tempestivamente la complicanza ed intervenire chirurgicamente d'urgenza.
Per concludere. Visita specialistica e diagnosi. In caso di testicolo in ascensore: il mio consiglio, una volta sicuri della diagnosi è l'orchidopessi.
Non trascuri assolutamente il problema.
Affettuosi auguri di pronta risoluzione del Suo problema e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore 11180,

condividendo la spiegazione del fenomeno fatta dal Prof Martino, io consiglierei di effettuare un esame del liquido seminale per verificare lo stato di fertilità e per valutare se la alterata condizione-posizione testicolare non abbia indotto uno stato di "sofferenza" della spermatogenesi.
Circa i fenomeni di torsione, direi che un soggetto adulto può gestirli abbastanza semplicemente e risolverli con semplici manovre manuali.
Una visita specialistica comunque è indispensabile
Cari saluti
[#3] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2006
Grazie per le consulenze.
Organizzerò quanto prima una visita specialistica.
Nel frattempo, desiderei capire se posso continuare a fare nuoto in attesa di una diagnosi.
Buona giornata e buon lavoro.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore 11180,

continui a nuotare quanto e come le aggrada
cari saluti
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
il mio personalissimo parere, e sottolineo personalissimo, è quello di sospendere ogni e qualsiasi attività sportiva in attesa della definizione chiara e definitiva della natura dei Suoi disturbi. Se si tratta di un testicolo in "ascensore", è assolutamente necessario tentare di riportare l'organo nella corretta sede ogni qual volta risalisse. Ma Lei capisce che non si può vivere serenamente in queste condizioni. Se si tratta di fenomeni di sub-torsione ripetuti, rischia davvero troppo secondo me, perchè una vera torsione è imprevedibile.
Quindi, tutto da demandare al responso della visita che ha già prenotato. Aggiungo anche, e mi dispiace, che osserverei opportune precauzioni anche durante i rapporti sessuali, evitando eccessi particolari.
Affettuosi auguri per tutto e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO