fai  
 
Utente 430XXX
buonasera,
ho 19 anni e ho da poco finito il secondo ciclo di isotretinoina per la cura di un acne molto persistente fin da quando ero piccolo. Dopo circa un mese dalla fine del trattamento ha avuto inizio uno sfogo cutaneo in prossimità del cuoio capelluto (che persiste ormai da due mesi circa), accompagnato da una notevole perdita di capelli. Mi chiedo se questo fenomeno possa essere in qualche modo riconducibile alla terapia che ho seguito, considerando che la stessa problematica era sorta quando avevo smesso di assumere isotretinoina dopo il primo ciclo. All'epoca la situazione era stata analoga a quella attuale: al termine del primo ciclo avevo notato molti punti rossi a livello del cuoio capelluto e ciò era stato accompagnato da una perdita di capelli (di cui non avevo mai sofferto, nè prima nè dopo). Mentre all'epoca ero riuscito a contenere questi sfoghi grazie ad uno shampoo esfoliante consigliatomi dal mio parrucchiere, ora la situazione sta andando in peggiorando nonostante continui ad usare questo shampoo e abbia effettuato un trattamento di pulizia della cute nella zona dei capelli. Pur non essendo un medico, trovo strano che si tratti solamente di una coincidenza. entrambe le volte dopo un mese circa dalla fine del trattamento si sono verificati questi sfoghi cutanei in prossimità del cuoio capelluto accompagnati da perdite di capelli mai avvenute in altre occasioni. In quanto giovane e molto attento all'aspetto fisico confesso di essere molto preoccupato.
Attendo vostre risposte

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gent.mo utente effettuerei una visita per escludere che si tratti di un lichen plano pilare, o una follicolite decalvante, o altro.
Senza preoccupazioni di sorta tenendo presente che talvolta le terapie possono slatentizzare situazioni patologiche che fino ad allora "covavano sotto la sabbia".
Il tutto naturalmente lo scrivo senza aver avuto la possibilità di visitarla.
Effettuata la visita specialistica vedrà che otterrà anche le indicazioni terapeutiche per il disturbo descritto, eviti il "fai da te"
Cordiali saluti ed auguri di buone festività