Utente 893XXX
Egregio Dottore sono un uomo di 63 anni e il 23/06/08 dopo una Visita Specialistica Cardiologica con esito di: "Controllo periodico, dopo pregresso IMA inferiore trattato nel febbraio (2008) con PTCA e 2 stent di CDX, poi dopo 2 giorni completamento di rivascolarizzazione su IVA e CX di 3 stent. Sta bene, non sintomi anginosi residui. Recentemente test da sforzo (16/06/08)negativo per ischemia a 75 Wat (95% PMHR). Scintigrafia negativa FE 55% esiti di necrosi inferiore. Pesa 80 Kg (pesava 90 Kg), altezza 1,75, non fuma da 9 mesi, Trattato con Terapia: Atenalolo 50 mg ore 8.00; Triatec 2,5 8.30; 1/2 Modiuretic ore 9.00; Clopidogrel (Plavix) 75 mg ore 12.00; Cardioaspirina ore 13.00; Anseren da 15 mg ore 16.00; Atorvastatina 20 mg ore 22.00 e saltuariamente (2 o 3 volte la settimana) all'occorrenza) Tavor da 1 mg. Nel Maggio scorso LDL 94; colosterolo totale 151; EO PA 140/90 (ora Scesa 80/130) FC 60 Collo; Giugulari piane, non soffi. Torace libero. Cuore; nl S1 S2, non soffi ECG: RS, segni di pregressa necrosi inferiore, invariato. CONCLUSIONI: cardiopatia ischemica stabile. Mantiene la terapia." Questo è l'esito della visita specialistica, trascritta integralmente e mi scuso per il troppo scritto. Ora Le chiedo: devo fare ECG DA SFORZ MONIT CONT il mese di dicembre prossimo: Devo SOSPENDERE TUTTA LA TERAPIA O PARZIUALMENTE? Cosa sospendo e da quando visto che l'Ospedale non l'ha fatto?
La Ringrazio Anticipatamente per la Sua Risposta. CORDIALMENTE.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la valutazione del suo stato richiede un ECG da Sforzo per valutare vari fattori: l'efficacia della terapia, eventuale ischemia residua, effettuare una corretta prognosi. Deve essre il cardiologo che la segue a decicere la sospensione o meno di qualche farmaco (in genere l'atenololo) a seconda delle esigenze del caso.
Pertanto, la invito, prima di procedere al Test da Sforzo, nel caso in cui dovessere essere sospeso il beta-bloccante, di contattare, almeno 7 gg prima il suo cardiologo di fiducia.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 893XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio infinitamente per la sua tempestiva risposta dottore Vincenzo Martino. Con simpatia.