Utente 433XXX
BUONA SERA

Vorrei dei chiarimenti in merito a un referto che mi hanno fatto per il mio ginocchio

Presenza di aree di alterata intensità di segnale, specificatamente ipointense nella sequeza a Tr breve ed iperintense nelle sequenze a Tr lungo, al livello del condilo femorale e dell'emipiatto tibiale esterni da contusioni ossee -fratture intraspoginose
lesione di 1 grado del corno posterione del menisco interno .Non evidenti soluzioni della continuità del menisco esterno , il LCA presenta spessore ed intensità del segnale alterati per lesioni ;normali il LCP e le strutture capsulolegamentose esaminate
discreta quota di versamento articolare

Potete spiegarmi , e il da farsi , e i tempi di guarigione..

Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. V Scipione
24% attività
16% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2016
L'evento traumatico subito ha prodotto alcuni (numericamente non definiti) focolai di frattura localizzati nel piatto tibiale esterno e condilo femorale sovrastante (ovvero sono coinvolti FEMORE distale e TIBIA prossimale).
Il menisco interno presenta interruzione della sua struttura al corno posteriore (fissurazione o piccola "frattura").
Il LCA (legamento crociato anteriore) è lesionato,quindi la sua struttura è discontinua in più punti.
Versamento intrarticolare di discreta entità.

Gli elementi descritti all'esame RM evidenziano una "patologia traumatica complessa" che rende "instabile" il ginocchio,da sottoporre nell'immediato a Valutazione dello Specialista Ortopedico per le cure del caso,necessarie a stabilire (data anche la giovane età dell'utente) se e come procedere a revisione Chirurgica combinata dei focolai di frattura ossei e del LCA e menisco interno,alfine di ridare nuova "stabilità" al ginocchio,per il quale si prospetta successivamente una fisioterapia mirata con prognosi di media/lunga durata.
[#2] dopo  
Dr. V Scipione
24% attività
16% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2016
Ne sono convinto,in particolare se si crea,come normalmente avviene una "sinergia di lavoro professionale" adeguata tra lo Specialista Ortopedico ed il Fisioterapista durante il periodo di trattamento clinico,chirurgico (se necessario) e terapeutico.