Utente 901XXX
sono un ragazzo di 22 anni e credo di soffrire di eiaculazione precoce poichè non riesco ad avere un rapporto sessuale perchè raggiungo l'orgasmo ancor prima di iniziare l'atto sessuale vero e proprio,durante i preliminari per intenderci. questo problema mi accompagna da anni visto che è da quando avevo circa 17 anni che ci provo ma non ci sono mai riuscito infatti sono ancora vergine proprio per questo motivo. sinceramente non ci ho mai dato peso più di tanto perchè ho sempre pensato che la prima volta non è mai stata facile per nessuno ma confrontandomi con i miei amici(e il loro non aver problemi in questo campo)e comunque essendo da 5 anni che ci provo con diverse ragazze,non nego che mi sto iniziando a preoccupare anche perchè non sono più un ragazzino.
proprio qualche giorno fa ci ho riprovato con una ragazza e puntualmente sono arrivato nelle mie mutande durante i preliminari, e ogni volta sono costretto a trovare scuse di ogni genere per andare via, perchè naturalmente non confesso mai questo mio problema. non so se vi può essere utile ma mi capita, anche quando sogno di fare sesso con una ragazza, di raggiungere subito l'orgasmo e la mattina mi sveglio con una sorpresa nelle mutande.
dato che come ho già detto mi sto preoccupando,ieri sono andato dal mio medico curante che mi ha prescritto di fare un analisi del testosterone che proprio questa mattina sono andato a fare.per i risultati dovrò aspettare qualche giorno solo che non so quanto possano servire.
voi cosa ne pensate e cosa mi consigliate di fare?
sicuro di una vostra risposta vi mando cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,temo che il solo testosterone non possa chiarire una diagnosi che investe a 360 gradi la Sua sessualita'.Essendosi radicato il problema clinico,di per se' ostico,credo che solo il consulto con un andrologo esperto,possa essere di aiuto,speriamo,risolutivo.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 901XXX

Iscritto dal 2008
vi ringrazio per l'interessamento e attendo comunque gli esiti dell'esame e vi volevo chiedere se può consigliarmi come muovermi.ancora grazie
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Un consiglio, se permette:
non aspetti il testosterone, potrebbe solo confonderle le idee, questo ormone non c' entra nulla col suo problema. Vada da un collega. Scusi l' imperativo, ma è per il suo bene.