Disfunzione erettile da sempre

Illustrissimi dottori
Ho 26 anni e praticamente da sempre ho notato il problema di disfunzione e dimensioni limitate (3-4 cm a riposo) ma non ho mai consultato nessuno x esporre il problema!
Diciamo che piu' semplicemente ho adottato comportamenti che evitassero linsorgere del problema problema! (sogliatoi-relazioni ecc)
pur avendo una vita sociale regolare! per fortuna!
Visto che mi ritengono in molti un ragazzo attraente e che l'atteazione verso le donne é ormai incontrollabile ho deciso
finalmente di consultare un andrologo della mia citta!

vi chiedo cosa mi aspetta ?
E la prima volta che faccio una visita simile
Avro' la possibilita' di risolvere il problema pur avendolo trascurato x anni??
Devo usare accorgimenti particolari prima della visita?
[#1]
Dr. Pierluigi Izzo Andrologo, Sessuologo 28,8k 637 1
Caro Utente,l'andrologo non e' un...drago,ne' un amico,ne' e' un prete!E' un professionista che,da vari anni,ascota,inquadra clinicamente ed aiuta a risolvere nella chiarezza e dopo una diagnosi accurata,i problemi posti dal Paziente.Vada con serenita' alla visita e,se ritiene,ci aggiorna.Auguri vivissimi.Cordialita'.

Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2]
Dr. Stefano Garbolino Psichiatra, Psicoterapeuta, Sessuologo 2,5k 36 3
Gentile utente,
credo che la sua decisione di consultare un Andrologo sia un'ottima idea. D'altra parte una visita medica permetterà di valutare dati specifici e solo qualora emergesse una componente di tipo emotivo sicuramente sarà indirizzato anche ad un approfondimento psico-sessuologico (presso un Medico o Psicologo specializzato in materia).
Credo sia necessario nel suo caso avere risposte chiare e precise, al fine di non rischiare una "cronicizzazione" della problematica che lei riferisce.
Cordialmente

Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#3]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
Gentile utente
La timidezza è normale in certe situazioni. L' importante è vinmcerla ed andare.
[#4]
dopo
Utente
Utente

la timidezza che ovviamente nel mio caso emerge solo in particolari condizioni di "scoperto" ... per il resto non ho mai avuto problemi a rapportarmi con gli altri!

il mio dubbio e' che ho deciso di farlo troppo tardi!!!

grazzie x le vostre gentili risposte


[#5]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
Caro signore
Non si rammarichi di questa sua tradività per affrontare il problema, ma la usi per uscirne al meglio
[#6]
dopo
Utente
Utente

Aspetto con ansia il giorno dell'appuntamento e spero
tanto di risolvere al meglio la situazione ormai
insopportabile!!

vi terro agiornati ma intanto vi ringrazio tanto!
ps:se avete altri consigli sulla mia situazione
li accetto volentieri
[#7]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Caro lettore ,
oltre alle corrette considerazioni già fatte dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-quando-l-erezione-e-difficile-o-non-c-e-che-cosa-fare.html.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#8]
dopo
Utente
Utente
Ringrazio anche lei dr beretta
in effetti in qusti giorni di attesa x l'appuntamento
cerco di raccogliere piu' informazioni ed esperienze
possibile sull'argomento!
sia medico che psicologico!

inoltre ho trovato delle interessanti recinsioni sul TESTOSTERONE e le coseguenze della sua insufficienza
nella giovane eta'!
i sintomi sinceramente mi rispecchiano molto!

Massa grassa concentrata nella zona addominale
Carenza di concentrazione
Stanchezza fisica
disfunzione erettile

ho fatto anche delle ricerche sull'alimentazione
che potrebbe stimolare la produzione i testosterone
libero !

ora ho anche piu' domande da fare durante la visita.
ed ho preso cosienza delle tante sfaccettature
che ha il problema!

Mi sorge una domanda! ma quante cose si dovrebbero sapere gia' dalla giovane eta' (quindi i genitori) x evitare
problemi come i miei???
e se uno non ha la forza di reagire ... che succede???
[#9]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Caro lettore ,
lei ha capito il problema "di noi maschi " che spesso siamo lasciati soli ad affrontare problemi a volte complessi.
Il mio consiglio, come spesso ripeto da questo sito, è che tutti i giovani uomini dovrebbero conoscere ed avere un loro andrologo di fiducia. I "maschietti" in sostanza dovrebbero imparare dalle loro compagne e dalle loro donne che già in tenera età conoscono il loro o la loro ginecologa.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#10]
dopo
Utente
Utente

gentili dottori
ho effettuato il primo contatto con un andrologo ed e'
andato tutto bene ! sembra una persona seria e competente!

ora devo fare le analisi del sangue x il testosterone
e mi ha fissato un appuntamento x un Ecocolordoppler dinamico
mi ha spiegato in che consiste e vado a farlo la settimana
prossima!

mentre x quanto riguarda le dimensioni mi ha detto chiaramente che sara' difficile ottenere molto...

[#11]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,
mi sembra sulla strada giusta, ci tenga comunque aggiornati sull'evoluzione della sua situazione clinica, se lo desidera.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org

[#12]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
Caro lettore,
chi l' ha visitato ha detto cose giuste. E' in buone mani, e già questo è molto, se non tutto
[#13]
dopo
Utente
Utente
ho effettuato oggi l'ecocolordoppler dinamico
che a detta del mio specialista e stato positivo!
pero' il referto dice:
"risposta lenta allo stimolo farmacologico"
"arterie cavernose con pareti ispessite"
"iperecogene per fibrosi e con decorso rettilineo"
"flussi cavernosi regolari durante il monitoraggio"
cosa ne pensate?

le analisi hanno evidenziato un basso livello di t libero.
e fsh.
fsh 1.65 mUIML RIFERIMENTO 1.7-12
LH 2.77MUIML RIFERIMENTO 1.1-7
ESTRADIOLO-17BETA (E2) 46.53PGML RIF <A65
PRL 6,64 NGML RIF 4,0-15.0
TESTOSTERONE 8,34 NGML RIF 3-10,60
T LIBERO 9,10 PGML RIF 5,6 - 40

QUALI SONO I VALORI OTTIMALI?

sempre grazie
[#14]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
Proponga questi dati a chi l' ha in cura. Non ha molto senso parlare di referti in assenza di un quadro clinico diretto, in ogni caso non mi pare di vedere grossi problemi fisici, inoltre l' ecoppler ha valore soprattutto durante l' esecuzione dell' esame stesso.
[#15]
dopo
Utente
Utente
certamente
il dottore ha gia' visto tutto...
mi sembra giusto tenervi informati visto il vostro
sostegno iniziale!
grazie
[#16]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
E' giusto sì, continui
[#17]
dopo
Utente
Utente
Egregi dottori
un agiornamento sulla mia situazione mi sembra dovroso
Dopo i risultati di ecocolordoppler e analisi del sangue
il mio andrologo ha scelto come strada l'assunzione di
piccole quantita' di viagra tre volte a setimana di notte x aumentare le erezioni nottune!
e una curadi iniezioni di gonasi .
dopo circa un mese non ho riscontrato risultati importanti!
Nei pochi rapporti avuti l'erezione rimane debole e l'eiaculazione arriva dopo pochi secondi!
ora ci riproviamo in un altro modo

mi ha prescrito del testosterone gel
di continuare con le piccole disi di viagra
e provvedremo ad un interventino al frenulo

cosa ne pensate?
[#18]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Caro lettore ,

presentate in questo modo, come già detto dal collega Cavallini, non possiamo che dirle di seguire attentamente tutte le indicazioni date dal suo andrologo anche se non comprendiamo per bene alcune indicazioni terapeutiche come ad esempio il testosterone in gel.

Sempre un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#19]
dopo
Utente
Utente
penso che il testosterone gel sia xaumentare i valori di testosterone che con le analisi sono risultati ai minimi livelli.

sta' di fatto che anche dopo il gonasi e il viagra le mie erezioni rimangono deboli e le eiaculazioni precoci!

[#20]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Caro lettore ,

forse la frazone libera ! Comunque a questo punto ,se la terapia non ha effetti positivi, bisogna ricontattare il suo andrologo.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org

[#21]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
Non ho granchè da dire,
mi pare comunque che questa terapia non abbia avuto effetto. Per quanto i riguarda mi consulterei con il suo andrologo per avere una diagnosi precisa sul problema che ha causato il deficit erettile. Il deficit erettile è un sintomo di problemi ormonali, che non vedo, psicologici metabolici ecc.. Una volta chiarito il punto ci sappia dire.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio