Utente 448XXX

Buongiorno, ho subito una frattura bimalleolare alla caviglia dx il 30 dicembre 2015. A seguito di ciò sono stata trattata con mezzi di sintesi: due viti nella tibia e placca con 6 viti nel perone. Mercoledì scorso, 3 maggio 2017, ho rimosso i mezzo di sintesi. Mi hanno detto di portare la valva per circa una settimana e poi calza elastica. La valva premendo sulle cicatrici mi fa molto male e quindi al momento l'ho tolta e sto usando da subito la calza elastica. Chiedo se posso già appoggiare il piede e se nel fare questo corro dei rischi di nuova frattura oltre ai tempi di ripresa. Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Alessandro Caruso
40% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile signora, proteggendo la recente ferita chirugica con garze ben spesse, è bene che rimetta la protezione ( valva ) alla caviglia.
Almeno 10 gg la deve tenere, sopratutto a scopo di profilassi per la circolazione venosa periferica .
Non dovrebbe esserci pericolo di rifrattura, questo no!
Ma certamente una sindrome di Sudek può determinarsi senza le dovute accortezze.
Poi inizi un po di fisiochinesiterapia, ma almeno 7 gg -10 gg tenga la caviglia tecnicamente protetta .

Cordiali saluti
alessandrocaruso26@gmail.com
[#2] dopo  
Utente 448XXX

Iscritto dal 2017
Buongiorno Dottore e grazie per la Sua disponibilità e chiarezza.
Purtroppo sono un libero professionista e tra martedì e mercoledì dovrò rientrare in studio. Le chiedo: se metto calza elastica e walker può andare bene ugualmente invece che la valva? Io a letto non riesco a stare con la valva. Posso mettere solo calza elastica? Abbia pazienza....
Grazie infinite.