Utente 914XXX
Salve, sono un ragazzo di 30 anni e credo di avere dei disturbi erettili; proverò a spiegarmi come posso.
In primis, ho notato da diverso tempo che le mie erezioni mattutine sono decisamente sempre più rare (comunque si manifestano in maniera altalenante), inoltre mi sono reso conto che per mantenere l'erezione ho bisogno di stimoli continuativi, da solo o con la partner che siano, infine, come se non bastasse, ho una perdita di erezione istantanea, e sottolineo istantanea dopo l'eiaculazione. E' normale che ciò accada? Comunque, apparte ciò, riesco ad avere dei rapporti definibili "normali". Forse il problema dunque è soltanto nella mia testa, non saprei. Per essere più dettagliato aggiungo che sono un fumatore (10-12 al giorno), sono alcuni mesi che non pratico sport, mi capita di bere un po' il fine settimana, e ho un peso nella norma.
Grazie mille a tutto lo staff per i prezioso aiuto che ci date.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,le erezioni spontanee,cosi' come la detumescenza repentina dopo l'eiaculazione,sono fenomeni assolutamente normali che non predicono o testimoniano una disfunzione erettile.Quanto affermato e' confermato dall'ammissione di esercitare un rapporto normale.A questo punto,ne approfit per consultare un esperto andrologo per un normale controllo andrologico.
Cordialita'
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

un quadro erettile come da lei descritto potrebbe far pensare alla esistenza di problematiche vascolari che impediscono il conseguimento di una buona-ottimale rigidità del pene ed il suo mantenimento per un tempo adeguato.
Qualche notizia in merito su www.erezione.org.
Chieda il parere di uno specialista che, con semplici esami potrebbe chiarire il suo problema
Cari saluti
[#3] dopo  
Utente 914XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille per la tempestiva risposta, credo che comunque faro una visita di controllo, dato che non so neanche come è fatto un andrologo... Ma forse non sarebbe meglio parlarne anche con il mio medico curante?
Devo ammettere che la questione dei possibili disturbi della circolazione mi hanno un po' allarmato. Vorrei aggiungere a tal proposito che, quando raggiungo l'erezione, anche se con i metodi specificati nella mia richiesta di consulto, direi che il pene risulta decisamente "rigido" (chiedo scusa ma non trovo altre parole). Una qualche patologia di tipo circolatorio, non comporterebbe anche una diminuzione del tono del pene?

Grazie mille di nuovo e cordiali saluti.
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egregio signore,
dubito che alla sua età si possa sviluppoare un problema vascolare tale da influenzare la qualità erettile. Comunque una visita potrebbe chiarire molte cose, che di qua possono essere solo ipotesi.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

oltre ai consigli già rivevuti,

se desidera avere più informazioni dettagliate su queste tematiche le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com