nervo  
 
Utente 452XXX
Buongiorno, innanzitutto mi complimento con tutti voi medici per il supporto che prestate online.

In data 19 maggio 2017 ho subito una lesione da taglio al polso della mano destra, operato il 9 giugno, sottoposto a tenorrafia FS e FP del quinto dito.

Ingessato in posizione di scarico, con polso e dita flesse per 25 giorni, il 4 luglio ho tolto il gesso ed iniziato fisioterapia,inizialmente la mano era bloccata, tutte le dita.. poi pian piano (attualmente ho fatto 4 sedute) l'abbiamo sciolta, ho ottenuto un buon risultato se non fosse per il quinto dito che ha problemi nella flessione profonda. Non si flette completamente ma soltanto di circa 40 gradi... Il fisioterapista dice che è solo questione di allenamento, ho consultato un'altra fisioterapista anche, ed essa mi ha detto che dobbiamo lavorare ora soltanto sul mignolo, e che secondo lei è un problema di forza, e nella peggiore delle ipotesi potrebbe essere un problema al livello di nervo che manca il consenso...

Io sento che arrivo a quel punto in cui si inchioda, ma sento che il consenso c'è e se continuo a fletterlo con tutta la mia forza sento che sto facendo forza ed inizia a tremare... Chiedo un volto parereù. potrebbe essere lesionato il nervo o è soltanto questione di allenamento?

Premetto che con l'altro fisioterapista fin'ora non ci siamo concentrati particolarmente sul quinto dito, ma su tutta la mano.
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

nessun problema di nervo: se l'impuso nervoso passa, il muscolo si contrae e il tendine "tira".

O funziona o non funziona.

Il suo problema è, invece, a mio avviso, di tipo meccanico (aderenze peri-tendinee che probabilmente limitano lo scorrimento dei due tendini).

Deve per ora insistere con la kinesi attiva e passiva, verificando che non coesista anche una parziale rigidità delle articolazioni del mignolo, specie la interfalangea prossimale (IFP) e la metacarpo-falangea (MF).

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 452XXX

Iscritto dal 2017
Grazie dottore per la sua celere risposta. Chiedo un'ultima cosa, come mai il quinto dito rimane esteso in posizione di riposo? (non conosco il termine adeguato, con i palmi rivolti verso l'altro, con mano rilassata, il quinto dito presenta una flessione molto piu estesa delle altre dita, non completamente esteso, sia chiaro, però poco manca)
[#3] dopo  
Utente 452XXX

Iscritto dal 2017
premetto che ho i muscoli dell'avambraccio dx molto spompati, il braccio si presenta molto molle in quanto è stato immobilizzato 25 giorni, e facendo delle palpazioni sui muscoli flessori noto che anche le altre dita, oltre al mignolo, fanno fatica a muoversi palpando sui tendini, non si muovono come nell'avambraccio sinistro che praticamnente riesco a far toccare i polpastrelli sul palmo. è normale?
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Deve fare la kinesi, sia in flessione che in estensione (attiva e passiva).

L'atteggiamento del dito è in parte legato a un "ritorno elastica" dei tessuti molli, in parte può essere legato a una certa rigidità articolare residua.
[#5] dopo  
Utente 452XXX

Iscritto dal 2017
Grazie infinite dottore... Per quanto riguarda invece la sudorazione eccessiva della mano in questione? Suda molto e mettendo guanti in lattice, quando li tolgo é completamente bianco e cotto il palmo
[#6] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
L'iperidrosi è un problema a parte. Può provare con le compresse di alga clorella.
[#7] dopo  
Utente 452XXX

Iscritto dal 2017
Dr. Leccese, questa mattina credo di aver danneggiato la sutura del flessore profondo.

Durante la seduta di fisioterapia, mentre forzavo il quinto dito nella flessione profonda, ho avvertito degli "scrocchi" all"altezza del polso/avanbraccio. Non abbiamo dato moltissima importanza pensando che fosse uno scrocchio articolare ma adesso noto che il mignolo rimane dritto con la mano a riposo, funziona solo la flessione superficiale, se invece chiudo il quarto dito, il quinto fa anche la f. Profonda ma non completa (non e mai stata completa fin'ora come scritto nei precedenti post) ovvero se io provo a fare il pugno, il mignolino si piega soltanto dopo che le altre son gia chiuse. Anche se, devo dire, se immobilizzo le dita e non consento al quarto dito di fletteri molto, un pochino pochino la falangina del mignolo si piega..

Ma e possibile sia ceduta dopo 2 mesi dall'intervento? (intervento eseguito 9/6/17,mano immobilizzata fino al 4 luglio)
[#8] dopo  
Utente 452XXX

Iscritto dal 2017
Quello che mi interessa sapere, é se ha ceduto la tenorrafia, si può rioperare facendo una nuova sutura? Complicanze?
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
In teoria si può fare, ma è tutto molto più complicato. Può verificarsi do po 2 o più mesi.

Faccia anche un'ecografia dinamica.
[#10] dopo  
Utente 452XXX

Iscritto dal 2017
Salve dottore. Torno a scrivere in quanto mi hanno fissato un nuovo intervento per venerdi prossimo.

Da quel che ho capito il chirurgo mi attaccherà il tendine flessore del quindo dito, danneggiato insieme al tendine del quarto dito. Data la sua esperienza ha qualcosa da dirmi in merito alla riacquisizione delle capacità del dito? Per quanto io sia ignorante in materia mi viene da pensare che il quinto dito poi si fletterà in simbiosi con il quarto? Non avrà piu uba sua indipendenza?
[#11] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di norma è così, ma col tempo, le cose potrebbero cambiare.
[#12] dopo  
Utente 452XXX

Iscritto dal 2017
Come si chiama questo tipo di intervento? Inoltre vorrei sapere se il tendine del quarto dito deve essere tagliato per fare questo tipo di intervento oppure gli viene solo collegato l altro tendine sopra. chiedo perche ho molta paura che la tenorrafia possa cedere anche nel quarto dito
[#13] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
E' una tenorrafia con trasposizione tendinea.

Qualsiasi intervento può dare luogo a complicanze post-operatorie.....
[#14] dopo  
Utente 452XXX

Iscritto dal 2017
Grazie dottore.

Vorrei chiederle inoltre se per fare la trasposizione tendina il tendine del quarto dito (quindi quello sano) deve essere tagliato di netto per poi eseguire la tenorrafia collegando anche il tendine del quinto dito, o va semplicemente suturato il tendine sopra di esso senza tagliarlo?

La mia grande paura attualmente è quella che tagliando il tendine sano, in futuro possa cedere la tenorrafia come è successo per il quarto dito, e li mi troverei ad avere un problema molto piu grave...

Stavo quasi pensando di lasciare la situazione così com'è attualmente senza effettuare una nuova operazione.
[#15] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Per fare la trasposizione, deve sezionare il tendine e trasferirlo su un altro dito.
[#16] dopo  
Utente 452XXX

Iscritto dal 2017
buonasera dottore, torno a scrivere per aggiornare la mia situazione.

In data 15/09/2017 sono stato di nuovo operato, e come accennato mi è stata eseguita una trasposizione tendinea del flessore del quinto dito sul quarto. ed anche tenolisi... ad oggi, dopo 15 giorni dall'intervento noto miglioramenti di sensibilità (avevo il secondo dito quasi completamente insensibile ed il terzo molto piu sensibile) sto seguendo la prassi che mi è stata decisa ovvero di indossare durante la notte il tutore di gesso che tiene il polso inclinato per evitare estensioni involontarie notturne che potrebbero compromettere il lavoro. E di giorno non avendo il tutore mantengo comunque il polso inclinato e faccio esercizi di estensione dita attiva, e flessione passiva.

Noto ad oggi che ancora non chiudo del tutto la mano, e soprattutto il quinto dito non tende a chiudersi in flessione profonda se non di qualche millimetrto... tenendolo esteso bloccato dall'altra mano si nota che la falange si ppiega quindi il tendine risponde, ma quel poco che provo a chiudere le altre dita, noto che lui non accompagna molto... ed il quarto dito anche non si chiude del tutto , per ora solo il secondo dito riesce a chiudersi quasi del tutto.

è solo questione di attesa e si aggiusterà tutto una volta che si tolgono i punti ed inizierò la fisioterapia?
[#17] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
I risultati dovrebbero comparire pian piano....
[#18] dopo  
Utente 452XXX

Iscritto dal 2017
buonasera dottore, torno a scrivere in quanto a distanza di quasi 2 mesi dall'operazione, ancora non ho riacquisito sensibilità al dito indice. Non ho quasi per nulla sensiblità al polpastrello, il che mi crea un notevole disagio... Per quanto riguarda la mobilità invece, come immaginavo... nullla da fare, ovviamente il quinto dito non si chiude del tutto, ma soltanto un pochino. Ed il quarto dito (in cui è stata effettuata la trasposizione) a mano chiusa a "pugno" non riesce piu a chiudere come il dito indice e medio ma si ferma leggermente prima. E forzando avverto un dolore nella zonba dell'intervento ovvero il polso...

Secondo lei avrò miglioramenti? almeno di sensibilità? il dito indice non c'entra nulla con la mia operazione e non capisco per quale motivo abbia perso sensibilità... Per quanto riguarda la fisioterapia, non la sto effettuando, ho semplicemente ripreso a lavorare (faccio il meccanico ed uso molto le mani)
[#19] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
La sensibilità potrebbe migliorare. Bisogna capire se il nervo digitale è stato solo "contuso" durante l'intervento o interrotto anatomicamente (piuttosto difficile).

Una buona ecografia, con sonda ad alta frequenza, potrebbe aiutare a capire se il nervo è anatomicamente integro o meno.