Utente 677XXX
Buonasera, sono una ragazza di 34 anni.
Giovedì scorso ho subito una caduta da cavallo, praticamente da circa 1 mt e 80 di altezza sono atterrata sulla parte alta delle natiche o meglio sulla base del sacro. L'urto violento mi ha causato un dolore atroce con una sensazione tra esplosione e fuoco, di seguito a ciò sono andata giù di schiena e alla fine mi sono ritrovata a pancia in sotto. Il dolore all'altezza del sacro-coccige era molto forte non avevo più sensibilità su tutti i glutei e sull'inizio delle cosce ma riuscivo a muovere le gambe. Dopo qualche minuto sono stata sollevata, il che mi ha portato ad una perdita momentane dell'udito e a sfoco della vista e messa di fianco in attesa di essere portata in ospedale. Al pronto soccorso mi hanno messo su una barella per la spinale e mi hanno fatto un RX alla colonna lombosacrale la cui diagnosi è stata "trauma sacro coccigeo con sublussazione del coccige su pregressa frattura". Mi hanno rimandato a casa con 15 giorni di riposo di cui 2 fermi a letto e 6 giorni di Kolibrì per un massimo di 3 compresse al giorno.
Domani devo tornare alla visita di controllo, portando con me una vecchia lastra del coccige e poi mi hanno detto che mi sottoporanno ad una TAC solo se lo riterranno necessario.
Ora io vi scrivo perché dovendo, appena fattibile, rimontare a cavallo vorrei esser sicura che non ci siano altri traumi oltre quelli evidenziati. Infatti un mio parente medico mi ha detto che da un tale urto sicuramnete ci sarà stata una compressione del midollo spinale il cui trauma può manifestarsi anche più avanti e che quindi sarebbe bene controllare. Navigando su Internet ho letto che uno dei trumi più frequenti al midollo spinale è dato proprio da un infortunio da compressione-sovraflessione assiale, che è quello che io ho subito. la mia schiena mi sembra a posto anche se il dolore sul sacro coccige persiste. Secondo voi devo preoccuparmi e chidere ai medici degli esami più approfonditi o posso fidarmi di rimontare a cavallo senza aver paura che un'altra caduta (sempre da mettere in considerazione quando si monta) possa portarmi a gravi conseguenze legate a questo incidente? Quali sono le conseguenze di un trauma al midollo spinale?
Grazie mille e buona serata.
[#1] dopo  
Prof. Alessandro Caruso
40% attività +40
12% attualità +12
20% socialità +20
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Gentile signora, anzitutto si curi bene questo trauma sacrococcigeo riportato giovedì scorso; segua attentamente le prescrizioni dei colleghi ortopedici che la curano ed il conseguente programma di fisiochinesiterapia.
Una volta guarita da tale trauma, che a quanto sembra non ha prodotto alcuna lesione particolarmente seria, esegua un consulto fisiatrico per stabilire se e quando riprendere un'eventuale attività sportiva.
La casuale incidenza di un nuovo trauma non sarebbe certo da imputare a questo precedente trauma; ma ovviamente va tutto valutato clinicamente e con esami radiografici e per immagini per stabilire se permangono dei postumi che stabilizzandosi rappresenterebbero dei pregiudizi funzionali.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 677XXX

Iscritto dal 2008
Grazie seguirò con cura i suoi consigli.