Utente 972XXX
Salve, ho 25 anni, a tre sono stata operata di dotto di botallo. L'anno scorso dopo una lunga estate di extrasistole a volte "invalidanti", nel senso che sono così forti e inattese che poi mi rendono fastidiosa la giornata, ho fatto un ecocardiogramma (FE 65%, IM e IT,IP minima, non valvulopatia signifacativa), ECG (ritmo sinusale 70/min, asse QRS orizzontale, sospetta preeccitazione ventricolare. Dato il sospetto di wpw si consiglia SEF ed eventuale ablazione.) più un holter (riepilogo frequenza caridaca: FCmin: 46 FC max: 144, frequenza media 76, Battiti sopraventricolari singoli 30. Rari battiti prematuri sopraventricolari singoli, non pause patologiche, normale andamento circandiano della frequenza cardiaca). Mi hanno diagnosticato la sindrome WPW, consigliandomi ovviamente di fare l'ablazione del fascio anomalo.
Ho scelto, almeno per il momento di non operarmi. Non ho episodi di tachicardia, almeno per quel che ricordo, ma ultimamente le extrasistole sono quotidiane, specialmente se mi prendo il lusso di bere un bicchiere di vino! Ho eliminato anche il caffè, mi è diventato impossibile berlo. Ho paura, sinceramente anche dell'operazione, non sò cosa fare. Uno può scegliere di non operarsi o è troppo rischioso? E le extrasistole, (a volte anche 2-3 ravvicinate) sono da collegare al mio problema? Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
per una corretta valutazione della sua situazione attuale, sarebbe utile, effettuare nuovamente un Holter ECG, ed eventualmente associarlo ad un test da sforzo e ad una valutazione della funzionalità tiroidea.
Il WPW, nel caso sia associato a storia familiare positiva per morte improvvisa, sincope (perdita improvvisa della coscienza), tachicardia ventricolare, rende indispensabile lo studio elettrofisiologico (SEF) con successiva ablazione del fascio anomalo.
Allo stato, è indispensabile praticare gli esami su indicati, che, se negativi, le permetterebbero di soprassedere all'eventuale SEF.Attendo sue notizie.
Cordialmente,














[#2] dopo  
Utente 972XXX

Iscritto dal 2009
Grazie tante per la risposta così rapida!!!
No, in famiglia non ci sono stati i casi sopraelencati, proprio 2 giorni fà mi hanno scoperto un nodulo alla tiroide e lunedì devo fare le analisi del sangue per controllarne il funzionamento. Ripeterò l'holter, ma quello che mi preme sapere è se le extrasistole sono da collegare al WPW. Grazie ancora, a presto!
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Singole ed isolate extrasistoli non debbono destare preoccupazioni, a meno che non determino aritmie complesse come tachicardie sopraventricolari e/o ventricolari.
Solo effettuando gli esami indicatele ne potrà sapere di più. Saluti