Utente 973XXX
Gentili dottori,

come da oggetto sono affetto da Vitiligine in fase iniziale, ovvero per il momento ho i "puntini" presenti soltanto nel contorno occhi (nella sola vicinanza al naso) in espansione e sui genitali (anche se mi sembrano diversi rispetto a quelli nel contorno occhi, quindi non sono certo si tratti della stessa cosa).
In realtà non ho idea se la cosa si sia sviluppata lentamente nel corso dei mesi o se sia spuntata solo recentemente, in quanto non conoscendo la malattia non mi sono mai soffermato nel guardare il contorno occhi con attenzione.
In famiglia non sono presenti altri casi della stessa.

Ad ogni modo qualche giorno fa ho proceduto con la visita di un dermatologo per eliminare questi "puntini" (nella mia ignoranza pensavo fossero grani di miglio), e mi è stato detto appunto che si tratta di vitiligine.
Nel momento in cui il medico mi ha citato la malattia non ho fatto domande perchè pensavo fosse una cosa da poco, mi è stato detto di evitare l'esposizione al sole e di procedere a fare gli analisi del sangue per valutare sistema immunitario (e domani avrò le risposte). Inoltre mi è stato prescritto Pabavic crema (da applicare mattina e sera nella zona interessata) e Pabavit in compresse (2 al dì).

Il medico di famiglia, nel prescrivermi gli analisi del sangue, mi ha detto che è una cosa da poco e comune alla mia età (20 anni) e che la cosa si potrà risolvere anche da sola col tempo.

Ovviamente, una volta avuti i risultati degli analisi, mi recherò nuovamente dal dermatologo per valutare meglio la cosa, ma siccome sono un ragazzo piuttosto apprensivo, gradirei chiarimenti anche da altri professionisti, quindi vi chiedo:
E' una cosa davvero comune se si sofferma soltanto al contorno occhi e ai genitali (dove la pelle credo sia più delicata)?
La cura che mi è stata prescritta è adeguata alla fase iniziale della malattia?
Ci sono cibi e bevande che è preferibile non assumere (come ho letto su alcuni siti) o particolari cose da non fare per evitare l'aggravarsi della malattia? (come esposizione al sole e/o lampade solari)


Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione,
Saluti
Leo

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,almeno inizialmente può essere sufficiente la cura prescritta dal Collega, l'invito è comunque di farsi controllare periodicamente anche se ci sono forme ( come può benissimo essere il suo caso)limitate alle zone da lei riportate ed addirittura autorisolutive.Nulla a che vedere il tipo di alimentazione con la vitiligine mentre è giusto fare attenzione all'esposizione UV per non accentuare o mettere più in evidenza la dermatosi autoimmune in oggetto.
Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 973XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dr. Benini,

grazie per la sua risposta. Il fatto che effettivamente ci siano forme autorisolutive della malattia mi solleva.

Ad ogni modo mi recherò in settimana presso un centro specializzato per la vitiligine, perchè a quanto ho capito molti dermatologi sono piuttosto conservatori nell'affrontare questa malattia, e non "approvano" forme diverse di cura (come le lampade).. Me lo conferma?

Mi scusi le domande un po' banali, e forse pure un po' stupide, ma cerco sempre di avere una visione a 360° delle cose, e più pareri riesco ad ascoltare meglio è.


Grazie ancora per la sua gentilezza,
Saluti
Leo

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Una delle cure per la vitiligine è la fototerapia che nulla ha a che vedere con le lampade e che viene attuata in base all'estensione ed alle sedi coinvolte dalla malattia(quindi non in tutti i casi)
Cari saluti
[#4] dopo  
Utente 973XXX

Iscritto dal 2009
Si mi scusi per come mi sono espresso, non intendevo le lampade solari ovviamente ma mi riferivo proprio alla fototerapia.

Come detto comunque mi recherò in un centro apposito per ulteriori verifiche e test.


Grazie ancora,
Leo