Utente 987XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 27 anni. 10 giorni fa sono stato operato per un varicocele sx di II-III grado associato a lieve astenozoospermia. L’intervento, previa anestesia locale, è stato quello di legatura e sezione delle vene spermatiche interne sinistre (incisione inguinale). Il decorso post operatorio è stato definito regolare e i 3 punti di sutura sono stati rimossi dopo 8 giorni. Le mie domande ora sono le seguenti:
E’ normale avvertire al tatto della varicosità presente, simile a quella precedente l’intervento?
Altra domanda: lungo il pene rimangono delle vene dilatate (estasia ma non so se è corretto). Non dovrebbero scomparire dopo l’intervento?
Il medico che mi ha operato ha confermato che tutto ciò è normale e che la varicosità tenderà a diminuire col tempo (anche se non a scomparire del tutto). Mi potete gentilmente dare riscontro in merito? Grazie in anticipo. Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore.

-dopo correzione di varicocele eseguita correttamente passa un ragionevole lasso di tempo (CIRCA una quarantina di giorni) prima che le varicosità che lei percepisce regrediscano;
-il calibro delle vene presenti sull'asta del pene non è assolutamente influenzato dall'intervento di varicocele.
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
se vuole, avremmo tutti piacere di vedere uno spermiogramma di controllo. Scusi se siamo ficcanaso.
[#3] dopo  
Utente 987XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mi dottori,
grazie delle risposte.
-per dr.Pescatori: da cosa può dipendere allora il calibro delle vene? grazie e saluti

[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Se le va bene le rispondo io. Il sangue è rimasto dentro le vene lefate e tagliate, per cui il calibro appare (dico appare) invariato, entro poche ore coagula, poi il coagulo si ritira, poi una volta ritirato si organizza in cicatrice che fanno diminuire il calibro venoso. A volte una sensazione di minuscole vene dire rimane per mesi.
[#5] dopo  
Utente 987XXX

Iscritto dal 2009
Gent.mo dr Cavallini, grazie delle risposta, ma era riferito a perchè alcune vene sull'asta del bene appaiono più in evidenza e quindi con un calibro maggiore. saluti
[#6] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Allora torni a quanto detto dal collega pescatori, quelle vene non c' entrano nulla col varicocele e comunque cambiano di calibro in continuazione. bastano differenze di temperatura e di stato d' animo a volte. Lo giudicherei un fenomeno del tutto innocente.
[#7] dopo  
Utente 987XXX

Iscritto dal 2009
Grazie della disponibilità!
[#8] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Mi permetto di rispondere anche io..
Tenga presente che le vene che vede sul pene non sono coinvolte in maniera determinante nel processo dell'erezione, i "giochi" si svolgono all'interno dei corpi cavernosi, cioè le strutture profonde del pene. Le vene che vede hanno quindi un solo significato "estetico", ma non sono segno di nulla di particolare o grave.