Utente 102XXX
Vorrei chiedere se tale disturbo può essere attribuito all' ernia iatale, visto che mi compare maggiormente dopo mangiato.In tal caso cosa mi consiglia ?
A lungo andare può influire sulla regolarità del cuore ?
Grazie e saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
una delle possibili cause delle extrasistoli è sicuramente l'ernia iatale, intanto le consiglio di evitare bevande a base di caffeina, teina e cola, agrumi, fritture e lauti pasti seguiti da riposo immediato. Di seguito si sottoponga a visita cardiologica con ECG e valuti con un prelievo venoso la funzionalità tiroidea.
Solo dopo aver letto questi esiti si potrà escludere del tutto la natura cardiaca.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 102XXX

Iscritto dal 2009
Mi scuso di non averle dato tutti i riferimenti.In realtà gli accertamenti che lei mi ha consigliato li ho fatti tutti ed anche di più , oltre naturalmente alla dieta.Sono anche un soggetto distonico .La mia richiesta era di altro tipo e cioè che se di ernia iatale si tratta e diciamo pure anche di stress psicologicoil disturbo ne lo tengo, ma a lungo andare potrebbe obbligarmi ad una correzione esterna dell'impulso cardiaco ?
Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, non riesco a comprendere cosa vuole intendere per "correzione esterna dell'impulso cardiaco". In assenza di almeno un referto Holter ECG non mi dà alcuna indicazione tale da poterle rispondere. In linea generale, se l'ernia jatale nonostante la terapia determina un alto numero di extrasistoli, può essere indicata una terapia antiaritmica.
Saluti