Utente 156XXX
Buongiorno,
vorrei chiede un consulto(aiuto) su ciò che capita a mia madre. Premetto è una donna di 66 anni, in sovrappeso da una vita (80/85 kg circa), da un paio d'anni leggermente diabetica, ma non da insulina, ansiosa-depressiva che da anni combatte con la pressione alta. Ha già fatto visite di tutti i tipi, tra cui anche un controllo ad un centro ipertensione, ma non risulta niente, il medico le ha cambiato più volte la terapia per vedere se si trovava quella giusta, ora sembrava che la situazione si fosse regolata, aveva sbalzi di pressione solo in casi "giusti" (es. arrabbiature, stress, depressioni), ma negli ultimi 10-12 gg, puntualmente al pomeriggio la pressione minima è sui 60, mentre la massima tra i 180/185.
Misurata al mattino è regolare, la massima non più di 130, ma al pomeriggio, senza alcun motivo e di punto in bianco sale, lei in quei momenti presenta vampate, giramenti di testa e leggeri formicolii al petto...le dura anche per l'intero pomeriggio.
Abbiamo provato a valutare se fosse l'apparecchio, ma anche con altri si presenta.
Essendo che è anche molto ipocondriaca, però il più delle volte sta male veramente la sua dott.ssa secondo noi non la prende molto in considerazione, il fatto è che non vorrei che dopo tanti "al lupo, al lupo" la volta che sta male veramente non la consideri nessuno.
Ho scritto ciò per presentare tutta la situazione, domandandovi se è normale che la pressione REGOLARMENTE di pomeriggio salga a tali livelli (il più delle volte all'alzamento di pressione corrisponde un calo della glicemia)? e se ovviamente non sia normale, che tpo di visita o esame può essere consigliato.

Ringraziandovi per l'attenzione, attendo una vostra risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, l'esame da sostenere a mio avviso è l'Holter pressorio che permetterebbe di valutare nell'arco delle 24h sia la frequenza cardiaca che la pressione arteriosa, in maniera tale da ottimizzare il tipo di terapia e gli orari per la somministrazione dei farmaci. Essendo i parametri pressori, strettamente dipendenti dal sistema nervoso, il fatto che la pressione si innalzi durante il pomeriggio, va ricercata essenzialmente dal tipo di vita, o dall'ambiente in cui vive sua madre.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2006
La ringrazio per la sua pronta risposta e chiederemo alla Dott.ssa di fare una richiesta per tale esame.
Per quanto riguarda la vita di mia madre, diciamo che è sedentaria, anche fin troppo, da una parte mi verrebbe da dire che la causa dei suoi "malanni" è soprattutto questa, dall'altra un innalzamento della pressione nel pomeriggio, momento che in realtà, in confronto alla mattinata(in cui magari esce per fare la spesa o altre commissioni) è molto più tranquillo, mi fa rimanere dubbiosa. Per il resto, come accennavo nel precedente messaggio, se non ci sono casi "giustificati" di innalzamento della pressione (tipo arrabbiature o depressioni momentanee), non capisco il quotidiano aumento della pressione, che ricordo solo quella massima, mentre la minima non è più alta di 60.

La ringrazio nuovamente