Utente 761XXX
Gentili dottori, da circa 4 mesi ho problemi di erezione. Ho 33 anni.
Sono stato curato due volte per prostatite in passato (3 e 5 anni fa), ma allora non avevo problemi di erezione.
Mi sono rivolto ad un andrologo che mi ha fatto fare esami del sangue, delle urine e dello sperma. L'unica cosa che è risultata è una infezione alle vie urinarie, mentre la prostata è a posto.
Ho preso bactrim per 15 giorni, però non so dire se l'infezione alle vie urinarie è andata via. non ho più rifatto gli esami.

Ora, l'ultima volta che sono stato dal andrologo, mi ha prescitto dello xatrall perchè dagli esami era risultata una leggera duplicità e perchè l'andrologo dice che ho la prostata leggermente ingrossata.
Comunque già 10 minuti dopo che ho preso lo xatrall sento una stimolazione al pene. cioè dopo che prendo xatrall l'erezione è quasi normale e sembra che i sintomi che ho di solito si attenuino moltissimo (beh forse non spariscono del tutto, ma il cambiamento si avverte). Inoltre mentre di solito il pene si contrae (quasi una erezione al contrario), con lo xatrall lo sento stimolato.

Ho letto che xatrall viene usato per curare la ipertrofia prostatica benigna e problemi di ritenzione urinaria. Tuttavia su internet non ho trovato nessun rapporto tra ipertrofia prostatica benigna e problemi di erezione. Ma è proprio così? Oppure le due cose sono collegate? E tra ritenzione urinaria ed erezione ci sono relazioni?

Un'altra domanda, problemi posturali possono dare problemi di erezione? Io ho da anni un problema cranio mandibolare, probabilmente accentuato da alcuni colpi di frusta ricevuti per incidenti in macchina (ma incidenti lievi e a velocità molto ridotte). Ecco in particolare noto che quando vado in palestra e faccio pesi, mi si irrigidiscono moltissimo le spalle e la schiena e avverto come un bruciore persistente e una tesione persistente che va dalla parte lombare della schiena fino alla punta del pene. Inolte e' proprio come se la zona dell'ano fosse permanentemente rigida e come se ci fosse un corpo estraneo (quando mi siedo sento proprio come qualcosa che spinge).
Io ho provato a fare esercizi per rilassare la schiena e soprattutto la zona pelvica e mi sembra che questi esercizi mi diano sollievo e soprattuto il pene
con questi esercizi si rilassa e poi l'erezione è più facile e potente. Ma poi la contrazione ritorna eil bruciore ritornano.

Questo per raccontare un pò la mia storia.
Quello che vorrei da voi è un parere in generale, e poi chiarirmi le idee su ciò: i problemi di erezione potrebbero essere causati dai problemi posturali? (che dipendono in gran parte da una errata posizione della lingua e della mandibola). E può essere che facendo pesi questi problemi posturali vengono accentuati e quindi provocano problemi di erezione?
Oppure i problemi di erezione potrebbero essere causati dalla ipertrofia prostatica benigna? Ma da quello che ho letto questa patologia non dovrebbe avere collegamenti con l'erezione.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
infiammazioni e ipertono della prostata possono indurre difficoltà della prostata; in questo senso l'azione di Xatral sull'ipertono puo' spiegare il beneficio sull'erezione.
Problemi posturali possono essere collegati a difficoltà erettili nella misura in cui determinano spasmi dolorosi della muscolatura pelvica.
[#2] dopo  
Utente 761XXX

Iscritto dal 2005
Ah ecco. Adesso è più chiaro.

Mi viene un'altra domanda: infiammazioni alla zona pelvica possono indurre problemi posturali?

Ho visto l'intervento di un altro utente del sito che lamentava molti dei sintomi che ho io. L'utente dichiarava dolori per via di una ragade e infiammazione dello sfintere anale.

In effetti l'andrologo quando mi ha visitato mi ha detto che c'era lo sfintere infiammato e delle emorroidi. Forse c'era anche una piccola ragade ma non ricordo con certezza.
Leggendo l'intervento di questo utente, ho riconsiderato quell parole dell'andrologo. Lui me le ha dette senza enfasi e io le avevo prese così come qualcosa di secondario. Invece comincio a pensare che sia proprio quello il problema.

In effetti anche io sento bruciore nella zona ano rettale, quando sto seduto sento come un corpo estraneo che spinge (la sensazione c'è sempre, ma molto più pronunciata da seduto), ho difficoltà e un pò di dolore ad espellere le feci.

La prossima visita che andrò dall'andrologo gli chiederò se pensa che sia questo il problema.

Dal mio punto di vista non avevo mai considerato la possibilità che il problema all'origine potesse essere una infiammazione non della prostata ma della zona pelvica in generale. E che poi la prostata ne risenta.

Però, dopo che è risultata una infezione alle vie urinarie, mi ha fatto prendere del bactrim per 15 giorni (mezza pastiglia mattino e mezza sera. In teoria avrei dovuto prendere una intera mattina e sera, ma non lo tollero bene il farmaco; più in generale non tollero bene molti farmaci).

Adesso però come agire? Fare un nuovo esame per vedere se l'infezione alle vie urinarie è scomparsa? Rifare anche un esame allo sperma?

Adesso l'andrologo come cura mi ha prescritto dello xatrall, lyrica e pomata preparazione h.
Putrtroppo il lyrica come tutti quei tipi di farmaci non lo tollero. Mi viene un esantema in faccia e soprattutto una intollerabilità alla luce solare.

Però se lo sfintere è infiammato (e probabilmente anche la zona circostante) in qualche modo bisognerà togliere l'infiammazione. Bactrim è un farmaco adatto?