Utente 662XXX
Salve, non ho trovato, tra i vari casi illustrati, qualcosa che si avvicinasse al mio problema. Da qualche giorno soffro di un curioso formicolio alla punta del polpastrello del pollice sinistro. Il primo febbraio del 2008 ho subito alla mano sinistra, un intervento a causa dell'S.T.C., che mi è stata diagnosticata ad entrambe le mani. Se può essere utile posso dire che sono mancina, ma destrosa per emulazione, ( da piccola ho imparato a usare la destra perchè lo facevano tutti), e la sofferenza che accusavo oltre ai sintomi classici di formicolio delle dita, era un forte dolore che percorreva il braccio dal gomito alla punta delle dita.
Vorrei sapere se questo nuovo piccolo fastidio può essere avvisaglia di una nuova compromissione del nervo. sarebbe uno shock...considerato che immaginavo potesse succedere, ma non di certo dopo solo un anno dall'intervento...
grazie per l'attenzione, Anna

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Quanto tempo fa è stata operata di S.T.C ? Se 20-60 giorni orsono, potrebbe trattarsi di un temporaneo disturbo legato alla cicatrice peri-nervosa che inevitabilmente si forma dopo un intervento del genere e che in tale periodo diventa particolarmente turgida e dura, potendo creare delle indebite stimolazioni sul nervo.
In tale caso, basta aspettare un pò e, via via che la cicatrice si sgonfia e si ammorbidisce (l'assestamento completo di queste cicatrici può richiedere qualche mese...), noterà un progressivo miglioramento del disturbo fino ad una sua scomparsa.
Se il problema è differente va valutato innanzitutto clinicamente e solo dopo con un'eventuale esame E.M.G.
Se il disturbo è di recente comparsa, le consiglio in ogni caso di aspettare almeno una decina di giorni prima di rivorgersi ad uno specialista.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 662XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo Dr. Leccese, la ringrazio per avermi risposto così tempestivamente.
Dunque, ormai è trascorso un anno da entrambi gli interventi, e sono onesta, avendo una soglia del dolore molto alta, non sono andata mai a lamentare dolore dal mio chirurgo. Durante tutto l'anno e ancora oggi ho sofferto di dolori piuttosto fastidiosi ai palmi delle mani, entrambe, a sinistra più che a destra, ma ho pensato che fosse una cosa normale, che i tessuti interni avessero necessità di più tempo per reagire al trauma dell'intervento. Il formicolio invece è comparso da due settimane, quindi abbondantemente oltre un anno dall'intervento. E oggi ho iniziato anche a sentire dolore, ancora lieve, dal gomito alla base dell'anulare sinistro. Mi sta un pò prendendo l'ansia. So che posso sopportare il dolore, non è la prima volta, ma mi pesa il pensiero che il primo intervento non sia stato sufficiente....
mi perdoni l'insistenza, e la ringrazio per la disponibilità e pazienza.
Anna
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

il sintomo di più recente insorgenza (gomito-anulare) mi fa pensare ad una diversa patologia che potrebbe interessare il nervo ulnare (quindi niente a che vedere con il vecchio intervento di T.C.).
Per il momento aspetterei di vedere come si comporta tale disturbo: è infatti possibile che migliori o scompaia.
Solo se persiste, consulti lo specialista di sua fiducia, che la visiterà e deciderà se è o meno il caso di fare un nuovo esame E.M.G.

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 662XXX

Iscritto dal 2008
Grazie infinite
Anna